I ragazzi stanno bene

In I Ragazzi Stanno Bene – Nic e Jules sono una splendida coppia, innamorate l’una dell’altra da molto tempo, entrambe cinquantenni, sposate e con due figli adolescenti. Quando la più grande, Joni, compie 18 anni, viene convinta dal fratello minore a contattare il padre biologico, per poter finalmente sapere chi è. I due ragazzi fanno così la conoscenza di Paul, aitante e scapestrato quarantenne che vive a contatto con la sua natura passionale e ‘naturale’.

 

Quando le due mamme sapranno di questo incontro, Paul entrerà per un po’ a far parte della famiglia, diventando pietra i scandalo e portando alla luce tutti quei piccoli problemi che in ogni coppia rendono la vita un po’ meno serena.

I Ragazzi Stanno Bene di Lisa Cholodenko è un perfetto esempio di quel cinema indipendente che sotto una veste anticonformista (il nucleo familiare con due mamme, la coppia omosessuale) non fa altro che mostrare la vita nella sua eccezionale quotidianità, con i suoi momenti difficili, gli scheletri nell’armadio ma anche la forza e l’affetto di mandare avanti le cose nonostante tutto. La premessa narrativa, quella della coppia lesbica, sempre rappresentare nient’altro che un pretesto per un racconto per immagini che gode di un equilibrio e di una freschezza davvero convincenti. I toni di commedia frizzante e scanzonata si mescolano a riflessioni sulle dinamiche familiari, sulla sincerità dei rapporti, sulla crescita e l’adolescenza, temi che vengono spesso trattati con patine di retorica ma che qui invece risultano sinceri e mai scontati.

I Ragazzi Stanno Bene, il film

Come in ogni film che riesce a raggiungere lo spettatore, anche in questo caso il merito è da attribuire all’ottima orchestrazione delle parti in gioco.  Se quindi la regista e sceneggiatrice ha condotto con sobrietà e ironia l’intera opera, il cast ha dato prova di una grande prova di recitazione. La Cholodenko ha realizzato, insieme a Stuart Blumberg, una sceneggiatura che accarezza ogni personaggio, lo delinea e in qualche modo lo ama, rappresentandolo nella sua interezza e complessità di essere umano.

Per quanto riguarda gli attori, cominciamo dai giovani: Mia Wasikowska e Josh Hutcherson interpretano gli adolescenti Joni e Laser, alle prese con una vita che per altri, e per lo spettatore medio italiano soprattutto, potrebbe sembrare anomala, ma che in molti paesi e nel contesto filmico sono assolutamente naturali; a Mia e Josh va il merito di essere riusciti a tener testa (la Wasikowska più di Hutcherson)ad un terzetto di attori con la A maiuscola, inedito e ben assortito. Per Annette Bening, forte della sua interpretazione di Nic, volitiva e severa, sono piovuti premi e addirittura la nomination agli Oscar; alla più liberale Jules, incarnata da una più che mai affascinante Julianne Moore, è toccato invece il compito di genitore più flessibile, di donna più femminile e di essere umano più dubbioso e complesso. Inutile dire che la Moore porta a casa un’altra grande interpretazione.

Nota di merito va a Mark Ruffalo, nei panni del papà biologico. Il suo Paul, reso eccessivamente seducente da costumi e trucco casual e intriganti allo stesso tempo ben si amalgama con il suo viso un po’ ruvido ma dal sorriso molto dolce. Un personaggio inedito anche per lui, abituato si alla commedia ma quella un po’ più ‘composta’, e che regala grandi momenti di divertimento. Una commedia di intrattenimento, con un bel sotto testo impegnato, il tutto condito da un occhio attento alla cura del dettaglio, I ragazzi stanno bene è un bel film, che potrebbe anche fare breccia nel difficile e a volte bigotto pubblico italiano.