Giuseppe-Maggio-Marco-Giallini-la-mia-ombra-e-tua-recensione-film
- Pubblicità -

Dal 29 Giugno nelle sale italiane è possibile vedere La mia ombra è tua, il nuovo film di Eugenio Cappuccio con Marco Giallini (Perfetti sconosciuti, Io sono tempesta), Giuseppe Maggio (Sul più bello, Altrimenti ci arrabbiamo), Anna Manuelli e Isabella Ferrari (Saturno contro, La grande bellezza). Il lungometraggio, una produzione Fandango e Rai Cinema, è una commedia nostalgica sull’amore e sulla difficile vita dei poeti moderni che, esattamente come Leopardi o Catullo, sono tormentati da amori impossibili.

La trama de La mia ombra è tua

La mia ombra è tua è tratto dall’omonimo romanzo di Edoardo NesiEmiliano (Giuseppe Maggio) è un venticinquenne toscano laureato in lettere antiche con il massimo dei voti. Nonostante la sua intelligenza, il ragazzo ha dei seri problemi relazionali: ha sempre vissuto ”in un bozzolo”, è impacciato e non riesce a tenersi vicino nemmeno la sua ragazza Allegra (Anna Manuelli). Nella rocambolesca ricerca di lavoro, viene offerto a Emiliano un impiego insolito: una casa editrice gli chiede di fare da assistente ad un celebre scrittore (Marco Giallini) per convincerlo a concludere il suo secondo romanzo. Vittorio Vezzosi è infatti diventato famoso grazie ad un libro scritto trent’anni prima. Da allora, ”il Vezzosi” vive nella sua villa come un eremita burbero e drogato. Contro ogni aspettativa, lo scrittore si trova stranamente in sintonia con Emiliano. Tra i due nasce un rapporto comico ed improbabile, ma che si rivela a poco a poco proficuo per entrambi: in fin dei conti, i due non sono così dissimili…

Marco Giallini è il bullo, Giuseppe Maggio è il secchione

La mia ombra è tua potrebbe benissimo essere un film adolescenziale: le dinamiche sono le stesse. Abbiamo Emiliano, un protagonista intelligente e occhialuto – e che per di più porta l’apparecchio – che si trova costretto ad affrontare Vittorioun personaggio audace, scontroso e prevaricatore. Le dinamiche tra Marco Giallini e Giuseppe Maggio sono quelle tipiche di un bullo e un secchione. A questo aspetto va aggiunto il divario di età tra i due: il sessantenne Vittorio è figlio di una cultura incentrata sull’uomo alpha, sull’ideologia forte, sulla nostalgia e, in un certo senso, sull’anarchia. Al contrario, Emiliano è più riflessivo e indeciso, guarda le sfumature così tanto che fatica a definirsi.

Questi due caratteri così apparentemente lontani, si scoprono simili scena dopo scena: sono entrambi degli uomini letterari, dei poeti. Proprio per questo motivo, vivono entrambi arroccati e scollegati dal mondo, seppur in modi molto diversi. Tra similitudini e differenze, il rapporto che s’instaura tra Emiliano e Vittorio si rivela un sistema efficiente, in grado di far uscire entrambi dal proprio bozzolo.

Una trama a salti e una regia confusionaria

Di base, La mia ombra è tua è un film che funziona. Fa sorridere e lascia un messaggio profondo allo spettatore, facendo riferimenti letterari e culturali non da poco. Qualche monologo d’effetto detto dai personaggi principali lascia interessanti spunti di riflessione, ma per altri aspetti il film non risulta perfettamente definito. Ci sono alcuni momenti morti e altrettante scene non ben amalgamate tra loro.

Inoltre, la comicità del film raggiunge attimi di assurda stravaganza. Alcune battute sono davvero banali e di basso livello, tipiche di quell’umorismo italiano visto e rivisto. Marco Giallini interpreta ancora una volta come in Perfetti sconosciuti o in The Place il suo personaggio scorbutico e arrogante: nulla di nuovo, ma non si può dire che non riesca bene. Al di sotto della corazza, Vittorio si rivela un uomo sensibile e fragile, riflettendo un atteggiamento tipico degli italiani della sua generazione.

Dalla campagna toscana alla fiera del vintage milanese

La mia ombra è tua è un film dalle tinte pastello. Si svolge principalmente tra le campagne toscane e del centro Italia: i due protagonisti si muovono tra gli ulivi e i campi di girasoli con una moto o con una jeep vintage rosso fiammante. I contrasti a livello visivo sono interessanti ma, anche per l’estetica delle immagini, c’è una cura singhiozzante. C’è un po’ troppo materiale: ai campi aperti e bucolici si alternano immagini claustrofobiche e affollate di una Milano caotica e chic.

La mia ombra è tua: una commedia colorita

Il film è sicuramente colorito, non solo per i paesaggi. Anche i personaggi sono tra loro tutti diversi e originali. Oltre ai protagonisti, anche le due figure femminili de La mia ombra è tua spiccano e si distinguono: la bellezza giovanile di Anna Manuelli è messa vicino a quella matura di Isabella Ferrari, per esaltarne le somiglianze e le differenze.la mia ombra è tua recensione filmIn conclusione, La mia ombra è tua è una commedia profonda che, per quanto imperfetta, si stacca dalla mediocrità della maggior parte dei film comici italiani. Tra gli spunti riflessivi e gli aspetti più coloriti, il lungometraggio si rivela una novità interessante del 2022.

- Pubblicità -
RASSEGNA PANORAMICA
Chiara Ferretti
Articolo precedenteUccisa due volte – Il caso Pomarelli, recensione del documentario
Articolo successivoHocus Pocus 2, il primo trailer del film
la-mia-ombra-e-tua-marco-gialliniLa mia ombra è tua è una commedia profonda che, per quanto imperfetta, si stacca dalla mediocrità della maggior parte dei film comici italiani. Tra gli spunti riflessivi e gli aspetti più coloriti, il lungometraggio si rivela una novità interessante del 2022.