Parto col folle film
- Pubblicità -

Todd Phillips torna in sala con Parto col folle, una brillante commedia che si presenta come piccolo intervallo fra il suo grande successo Una notte da leoni e l’attesissimo sequel previsto per questa primavera. Ma Phillips non permette ai suoi fan più accaniti di disperarsi nell’attesa e anche questa volta butta dentro il film il divertente e amato (nonostante il nome impronunciabile) Zach Galifianakis, il cognato dello sposo de Una notte da leoni per intenderci.

Protagonista di Parto col folle questa volta è il carismatico Robert Downey jr. che visti i successi degli ultimi anni (da Iron Man a Sherlock Holmes) può permettersi di guardare al futuro e lasciarsi alle spalle le vicissitudini giudiziarie che l’hanno coinvolto nei primi anni del 2000 e che gli regalarono anche un calo di popolarità. Peter Highman, architetto in trasferta, riceve la notizia dell’imminente nascita del suo bambino, intenzionato a prendere il primo volo per Los Angeles si imbatte nel curioso Ethan, aspirante attore, con cui ha una serie di imprevisti che gli faranno saltare il volo. Paradossalmente da qui in poi sarà proprio Ethan l’unico con cui potrà viaggiare on the road fino all’ospedale di Los Angeles in una corsa contro il tempo piena di situazioni “anomale”.

Parto col folle, Robert Downey jr. e Zach Galifianakis in stato di grazia

Formula già vista e ben rodata, Phillips utilizza l’ennesima strana coppia per l’ennesimo film on the road pieno zeppo di spunti comici, malintesi, equivoci e situazioni irritanti. I due attori tengono bene il film, Downey ha finalmente la possibilità di mettere i suoi costumi da detective/supereroe nell’armadio mentre Galifianakis ripropone con pochissime varianti il personaggio di Alan Garner della precedente pellicola di Phillips. Il regista dal canto suo, si rifà molto al suo datato ma sempre molto divertente Road Trip.

Oltre ai due attori che recitano a tutto campo sono senz’altro da segnalare le altre presenze del film, Jamie Foxx, Juliette Lewis e RZA, attori che curiosamente svolgono tutti e tre la duplice carriera di cantante/attore, chi più e chi meno bilanciato da una parte e dall’altra. Un Jamie Foxx, qui nei panni dell’amico Jim, che ritrova per la terza volta Robert Downey jr.  dopo Kiss Kiss Bang Bang e il bellissimo film di Joe Wright: Il solista. Chiude la fila Michelle Monaghan fresca del film Somewhere di Sofia Coppola che qui interpreta la moglie di Peter, donna incinta in attesa dell’arrivo di suo marito.

Ottima anche la colonna sonora per lo più a tinte rock dove spiccano nomi come Cream, Wolfmother, Rod Stewart, Neil Young e Pink Floyd.

- Pubblicità -