?????????????????????????????????????????????????????????

The Grey è il film thriller del 2011 che ha trionfato al Box Office diretto da Joe Carnahan e con protagonista Liam Neeson, basato sul racconto Ghost Walker di Ian Mackenzie Jeffers.

The Grey, il film action thriller di sopravvivenza

John Ottway (Liam Neeson) è un tiratore scelto silenzioso e solitario. Senza amici e senza amore si trascina quotidianamente facendo il suo lavoro, che consiste nel proteggere gli operai di una raffineria in Alaska dagli attacchi di animali selvatici, e ricordando con malinconia i bei tempi in cui sua moglie era ancora viva. L’esilio al confine del mondo è quasi una scelta obbligata per lui e per i suoi simili, uomini persi, persone “non adatte al genere umano”, gente che scappa dalla civiltà per tornarci solo in vacanza.

Durante uno di questi viaggi temporanei, però, l’aereo su cui viaggia John precipita a causa di una tempesta e solo in pochi escono indenni dal disastro. Anche per loro, però, la vera salvezza è molto lontana: per raggiungere la civiltà e considerarsi fuori pericolo i protagonisti dovranno infatti battersi contro gelo, tempeste e un branco di lupi feroci.

Lo scontro uomo-natura, soggetto sempre affascinante e spesso inflazionato, in The Grey si sviluppa in un modo molto particolare: lo scontro tra esseri umani e lupi, infatti, prende le forme di una battaglia che ha una sfumatura ultraterrena e gli animali, lungi dall’essere rappresentati con realismo, sono enormi, crudeli e cacciano non solo per nutrirsi ma per sterminare la compagnia di uomini.

The Grey, Uomo-natura, bene-male

Purtroppo il desiderio di Joe Carnahan (regista e co-sceneggiatore) di trasformare una lotta uomo-natura in uno scontro bene-male è un punto debole per il film, poiché la sceneggiatura non dà le basi necessarie affinché questa mutazione avvenga senza apparire forzata. I lupi, infatti, presenze oscure nella notte e pericolo incombente sulla strada della salvezza, sono in un primo tempo temuti in quanto belve affamate che difendono il loro territorio, poi, senza alcun motivo apparente, iniziano ad incarnare una cattiveria più profonda e insondabile, per giungere, nel finale, ad una sorta di umanizzazione, con uno scontro frontale tra lupo capobranco e uomo capobranco.

The Grey filmAccanto a queste scivolate di scrittura e stile vi sono però anche aspetti interessanti. Ad esempio la scelta di affiancare un grande attore a volti poco noti, in modo che lo spettatore, fino alla fine, non può fare pronostici su chi si salverà e chi no. Tutti sono uguali (tranne Neeson), tutti possono morire in qualunque momento.

Nonostante la resa realistica dell’ambientazione, possibile grazie alle riprese in alta montagna, e la buona interpretazione da parte di tutto il cast, The Grey non si fa portatore di alcuna novità all’interno del suo genere e rimane al livello di un modesto film d’azione con qualche velleità di grandezza.

Tra queste velleità si segnala che il vero finale di The Grey, una scena di pochi secondi, appare alla fine dei titoli di coda.  Di sei minuti di titoli di coda.