Gli Annie Awards, in cui si premiano i principali film d’animazione dell’anno, hanno annunciato le loro candidature per l’anno 2013. In testa al gruppo si attestano come veri mattatori Frozen della Disney e Monsters University della Pixar, con dieci nomination cadauno per i due film distribuiti dalla casa di Topolino. Gli altri candidati per miglior film d’animazione sono A Letter to Momo, Cattivissimo Me 2, Ernest & Celestine ed I Croods. Snobbato invece Piovono Polpette 2.

 

Potete trovare l’elenco completo delle nomination al seguente link: http://collider.com/annie-award-nominees-2013/

Frozen – Il regno di ghiaccio (Frozen) è un film del 2013 diretto da Chris Buck e Jennifer Lee. È un film animato al computer, prodotto dalla Walt Disney Animation Studios e distribuito dalla Walt Disney Pictures. È vagamente ispirato alla fiaba di Hans Christian Andersen La regina delle nevi. E’ il 53° Classico Disney ed è stato distribuito negli Stati Uniti il 27 novembre 2013, mentre in Italia il 19 dicembre. Monsters University è un film d’animazione del 2013 diretto da Dan Scanlon e con protagonisti del cast vocale John Goodman, Billy Crystal e Steve Buscemi. Il film, prodotto da Pixar Animation Studios e distribuito da Walt Disney Pictures, è il prequel del film del 2001 Monsters & Co..

Fonte: Collider

 
Articolo precedenteWarner Bros. e Dc Comics programmano il futuro
Articolo successivoFrankenstein: lo spettacolo con Benedict Cumberbatch
Nato a Marino (Roma) il 25 agosto 1984 e diplomatosi al Liceo Scientifico, è un grande appassionato di cinema fin dall'infanzia. Assiduo frequentatore delle sale cinematografiche ed accanito collezionista di titoli in home video, fa di queste due attività il proprio campo di studio. Assapora il mondo dello spettacolo in qualità di ballerino e partecipa alla realizzazione di alcuni corti a livello amatoriale. Lettore appassionato di romanzi e fumetti, pubblica alcune delle sue recensioni sul portale IMDB. Adora scrivere di cinema ed osservarne l'evoluzione tecnica, artistica e culturale nel corso degli anni attraverso le opere degli autori e degli interpreti che hanno contribuito a rendere questa forma d'arte una vera e propria industria.