Ian Joseph Somerhalder (per gli amici Ianebasta) è indubbiamente un ragazzetto niente male. E deve essere niente male già da piccolo, se comincia a fare il modello a 10 anni: tra i brand del suo CV, Calvin Klein, Dolce & Gabbana, Gucci, Versace e Guess.

A 17 anni, però, decide che la sua strada è la recitazione (tanto a Hollywood la prestanza fisica mica la buttano via), così nel 2000 compare in una sorta di spin-off di Dawson’s Creek, la serie Young Americans, che purtroppo ha vita breve. Dawson, comunque, è nel suo destino, perché di lì a due anni troviamo Ian ne Le regole dell’attrazione, dove fa il bisessuale al fianco di James Van Der Beek (quello del Creek, appunto). Il ruolo decisivo per la carriera arriva nel 2004, quando Somerhalder entra a far parte della banda di Lost, serie destinata a diventare un cult planetario. Il suo personaggio, Boone Carlyle, è il primo dei protagonisti a morire (episodio 20, stagione 1), ma questo non significa che non ricomparirà anche in seguito, tra flashback, flashforward e realtà parallele (i lostologi sanno bene di che si tratta).  Sempre in TV ottiene un ruolo importante nella terza stagione di Smalville, per poi darci dentro in Tell me you love me – Il sesso. La vita della HBO, in cui – manco a dirlo – è impegnato in scene di nudo integrale e sesso con Michelle Borth. Se il cinema langue, il piccolo schermo è una miniera per Ian: nel 2009 il signorino si aggiudica la parte del succhiasangue Damon Salvatore nella serie The Vampire Diaries e con quei canini il suo sex appeal aumenta a dismisura, tanto da farlo diventare un habitué dei Teen Choice Awards, vuoi come miglior cattivo, o miglior attore fantasy, o miglior strafigo. Grazie allo show rimedia pure la fidanzata, la collega Nina Dobrev, ma, dopo un paio d’anni insieme, pare si siano lasciati. Certo Ian non faticherà troppo a trovare un rimpiazzo, con quegli occhioni blu e il fisico da Big Jim… ma non pensate che sia il tipo tutto muscoli e niente cervello!

No, lui è un ecologista e animalista convinto, e soprattutto impegnato, con tanto di fondazione personale (la Ian Somerhalder Foundation) –  finalizzata alla salvaguardi dell’ambiente e delle sue creaturine – lanciata il giorno del suo trentaduesimo compleanno. Il tempo vola: oggi di anni ne compie 35. HAPPY BIRTHDAY IAN!

Articolo precedenteIdris Elba e Morgan Freeman parlano di Nelson Mandela
Articolo successivoLa Grande Bellezza conquista gli EFA
Giovane, carina e disoccupata (sta a voi trovare l'intruso). E' la prova vivente che conoscere a memoria Dirty Dancing non esclude conoscere a memoria Kill Bill, tutti e due i Volumi. Tanto che sulla vendetta di Tarantino ci ha scritto la tesi (110 e lode). Alla laurea in Scienze della Comunicazione seguono due master in traduzione per il cinema. Lettrice appassionata e spettatrice incallita: toglietele tutto ma non il cinematografo. E le serie tv. Fra le esperienze lavorative, 6 anni da assistente alla regia in fiction e serie per la televisione (avete presente la Guzzantina in Boris?). Sul set ha imparato che seguire gli attori è come fare la babysitter. Ma se le capita fra le mani Ryan Gosling...