Gravity

Si è svolta ieri sera a Beverly Hills la 15ma edizione del Golden Trailer Annual, durante la quale Hollywood ha voluto omaggiare e premiare i migliori prodotti commerciali pubblicitari in ambito cinematografico. Erano presenti più di 1.100 dirigenti di marketing, appassionati di cinema, celebrità varie e redattori.

Leggi anche: La NASA omaggia Gravity di Alfonso Cuaron

Alla fine, la notizia più importante riguarda il ben riuscito Gravity del messicano Alfonso Cuaron, già premiato ai passati Oscar, che ha vinto il premio Best of Show. Durante la cerimonia sono stati assegnati ben 75 premi, assegnati per altrettante categorie, anche se solamente 17 sono stati assegnati dal vivo. Tuttavia il vincitore per eccellenza della serata è stata la Warner Bros. che ha portato a casa ben 15 premi, seguita dalla Universal, vincitrice di 9 statuette, mentre Lionsgate ne ha vinte 8.

Gravity, il film

Il film si basa su una sceneggiatura scritta da Alfonso Cuarón, Jonás Cuarón, Rodrigo Garcia, mentre la fotografia è curata da Emmanuel Lubezki, che ha condotto un lavoro maniacale sulle numerose sequenze realizzate completamente i CGI e riprese con la tecnologia stereoscopica. Gravity uscirà in America e in Italia, in 3D, il prossimo 4 ottobre.

Trama: Sandra Bullock interpreta la dottoressa Ryan Stone, un brillante ingegnere medico alla sua prima missione sullo Shuttle, mentre Matt Kowalsky (George Clooney) è un astronauta veterano al comando della sua ultima missione prima del ritiro. Durante quella che sembra una passeggiata nello spazio di routine, ecco che accade il terribile incidente. Lo Shuttle viene distrutto e  Stone e Kovalsky rimangono a volteggiare nella più totale oscurità completamente soli e attaccati l’uno all’altra. Il silenzio assordante è la conferma della perdita definitiva di ogni contatto con la Terra e, con esso, ogni speranza di essere salvati. La paura si trasforma in panico e ogni boccata d’aria consuma il poco ossigeno rimasto. Ma l’unica strada verso casa potrebbe essere quella di spingersi ancora più lontano, nella terrificante distesa dello spazio.

Fonte: Comingsoon.net