Da sempre veicolo di buoni sentimenti e lieto fine, le principesse Disney sono di nuovo alla ribalta a causa di una campagna shock contro la violenza sui minori. L’artista, il cui solo nome noto è quello d’arte Saint Hoax, ha infatti sfruttato la popolarità universale di alcune delle celebri protagoniste Disney per veicolare un potente messaggio di denuncia contro la violenza sui minori nella campagna Princest Diaries. Ecco le immagini:

 
 

[nggallery id=876]

Principesse DisneyCome potete vedere le immagini ritraggono Jasmine (Aladdin), Ariel (La Sirenetta) e Aurora (La Bella Addormentata nel Bosco) baciate dei loro padri. Le immagini, volutamente disturbanti, sono tanto più forti se si considera che le principesse nelle storie di cui sono protagoniste sono minorenni (per Aurora e Ariel si parla chiaramente di 16 anni). Inoltre i poster recitano anche che il 46% dei casi di violenza su minori è perpetrato in famiglia.

L’idea, spiega Saint Hoax, è arrivata dopo che un’amica gli aveva confessato di essere stata molestata dal padre all’età di sette anni. Utilizzare immagini così chiaramente riconoscibili è per l’artista un espediente per arrivare a tutti, e denunciare ad alta voce il pericolo non solo della violenza, ma anche del silenzio che spesso avvolge atti del genere all’interno della famiglia stessa. L’artista ha raccontato che subito dopo la diffusione delle immagini ha ricevuto una e-mail di una ragazza che ha deciso di denunciare il padre per averla aggredita. “Ho pianto – ha detto Saint Hoax – Se i poster possono cambiare la vita di una persona, allora ne vale la pena.”