Sam Mendes

The Voyeur’s Motel, il film che Sam Mendes avrebbe dovuto trarre dal controverso e omonimo romanzo di Gay Telese, non si farà più. Il regista di Spectre e Skyfall ha infatti scoperto che i filmmaker Myles Kand e Josh Koury hanno già girato un documentario sulla vicenda di Gerald Foos, raccontata da Telese prima sulle pagine del New Yorker e poi nel libro uscito a luglio.

La storia di Foos, proprietario di un motel in Colorado nel quale aveva improntato un sistema con cui spiare i suoi ospiti soprattutto durante rapporti sessuali, sarebbe già stata sviscerata in maniera eccellente dal documentario, terminato già un anno prima della pubblicazione del libro. Peccato che Sam Mendes, il produttore Steven Spielberg e la DreamWorks, che aveva acquisito i diritti, non ne sapessero nulla e abbiano appreso dell’esistenza del documentario dalla rivista Deadline.

“Io e Krysty Wilson-Cairns (autrice della prima bozza di sceneggiatura) ci siamo seduti e abbiamo visto il documentario. Ci siamo guardati l’un l’altro e ci siamo detti: non possiamo fare il nostro film”, ha spiegato il cineasta. La versione data da The Voyeur’s Motel cambiava drasticamente con il documentario, entrato ormai a far parte del materiale narrativo. Un materiale divenuto però troppo complesso per essere portato sul grande schermo, complice le accuse emerse negli Stati Uniti all’inaffidabilità di Gerald Foos.

Da qui la dolorosa rinuncia di Sam Mendes.

Fonte