la mummia con tom cruise

La Mummia, ‘primo’ film del cosiddetto Dark Universe prodotto da Universal, sembra essere ufficialmente un flop al botteghino americano ma sta ottenendo un discreto successo a livello internazionale. Il reboot horror di Universal venne in realtà avviato da Dracula Untold nel 2014, tuttavia scartato da questo nuovo universo cinematografico.

 
 

Nonostante la critica abbia generalmente demolito il reboot del film con Tom Cruise (ottenendo un misero 17% sull’aggregatore Rotten Tomatoes), Universal non sembra intenzionata a cambiare rotta, forte degli incassi globali.

Leggi la nostra recensione de La Mummia

Secondo Variety, La Mummia ha a malapena raggiunto i 30 milioni di dollari negli Stati Uniti, ma ha riscosso molto di più in altre regioni del mondo (soprattutto in Cina, dove ha incassato 52,2 milioni di dollari). In totale, durante il suo primo weekend, il film con Tom Cruise ha ottenuto 174 milioni di dollari, recuperando il budget di 125 milioni.

Variety ha inoltre specificato che il film non ha superato al botteghino i precedenti film sulla Mummia con Brendan Fraser e Rachel Weisz che, al tempo delle loro uscite, incassarono di più e ottennero il favore della critica.

Un altro problema per quest’ultima versione de La Mummia è la concorrenza con Wonder Woman, che continua a dominare il box-office internazionale.

Sebbene il film con Tom Cruise potrebbe incassare anche il doppio del budget speso, i risultati finora ottenuti non lasciano ben sperare per i prossimi film del Dark Universe targato Universal. D’altro canto è anche giusto sottolineare che i primi film del DC Extendend Universe, sebbene grandi successi al box-office, ricevettero pessime recensioni e Wonder Woman pare abbia salvato il franchise, soprattutto a livello di critica. Non resta che attendere i prossimi sei film del Dark Universe prima di giudicarne il risultato finale.