Oscar 2017: Asghar Farhadi non ci sarà a causa del #MuslimBan

-

A causa del #MuslimBan, il decreto del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump che impedisce ai musulmani di entrare nel territorio USA, il regista Asghar Farhadi non potrà partecipare alla cerimonia degli Oscar 2017.

L’amministrazione Trump ha firmato un ordine esecutivo lo scorso venerdì che impedisce a chiunque provenga da uno dei sette paesi Iraq, Iran, Siria, Yemen, Sudan, Libia e Somalia, di entrare nel territorio degli Stati Uniti. L’ordine, dal titolo “Protecting the Nation From Foreign Terrorist Entry into the United States” sospende l’entrata per 120 giorni dei cittadini degli stati elencati, compresi coloro in possesso di una green card o di visa.

Il decreto impedirà quindi a Farhadi di essere presenta alla cerimonia deli ottantanovesimi Academy Awards il prossimo mese.

Oscar 2017: le nomination della 89ª edizione

A dare la conferma dell’impossibilità, da parte di Farhadi, di entrare negli USA, è stato Trita Parsi, leader del concilio super-partes e noprofit National Iranian American.

Asghar Farhadi è stato nominato nella cinquina del miglior film straniero con The Salesman, presentato al Festival di Cannes 2016, film che è stato già nominato ai Golden Globes. Il regista ha già vinto un premio oscar nel 2012, con Una Separazione, sempre per il miglior film straniero.

Fonte: FS

Chiara Guida
Chiara Guida
Laureata in Storia e Critica del Cinema alla Sapienza di Roma, è una gionalista e si occupa di critica cinematografica. Co-fondatrice di Cinefilos.it, lavora come direttore della testata da quando è stata fondata, nel 2010. Dal 2017, data di pubblicazione del suo primo libro, è autrice di saggi critici sul cinema, attività che coniuga al lavoro al giornale.

Articoli correlati

- Pubblicità -
 

ALTRE STORIE

Resurrected spiegazione finale

Resurrected: la spiegazione del finale del film horror

Una tipologia di opere tanto recente quanto apprezzata è quella del screenlife film (o first person shot), in cui lo schermo cinematografico diventa lo...
- Pubblicità -