rogue one

Mentre Rogue One viaggia oltre gli 800 milioni al box office, continuano a venir fuori dettagli sul film e sulla produzione. In particolare il regista Gareth Edwards ha dichiarato qulche dettaglio interessante in merito alla vasca di Bacta in cui vediamo immerso Darth Vader nel film.

La vasca di Bacta in Rogue One

“Sono geloso di momenti come quello ne L’Impero Colpisce Ancora, in cui si vede il retro della testa di Vader – ha dichairato Edwards a Empirein quel momento esclami ‘mio dio è così figo’. E provi disperatamente a inserire qualcosa che lo sia altrettanto nel tuo film. La scena della vasca di Bactaè stata ispirata da Chris Cunningham che pensava all’essere immersi nel latte, come fosse il video di Bjork All Is Full Of Love. Lui è vittima di ustioni e non è certo semplice per lui quando non è nella sua tuta. SI trova sicuramente a disagio. Ho amato l’idea di mostrarlo così vulnerabile. Vader è molto molto cattivo, ma in questo modo abbiamo la possibilità di dare uno sguardo alla sua umanità e di provare empatia, almeno. Vedere quelle cicatrici e capire che è, sapete, un uomo amputato, ci ricorda che prima era normale, ti fa pensare. Lui è un personaggio così ricco, in molti aspetti.”

L’assenza di opening crawls in Rogue One

Sempre durante l’incontro con Empire, Edwards ha anche toccato la questione Opening Crawls, affermando che la prima versione della sceneggiatura di Gary Whitta prevedeva i titoli iniziali: “La prima sceneggiatura che Gary Whitta scrisse aveva i crawls all’inizio (…) poi a sei mesi dall’inizio delle riprese, durante un incontro, si parlava di eliminarli perché questi sono film standalone, non parte della saga. E se devo essere onesto, all’inzio ero contrario, volevo la scritta iniziale. Ma le sequenza iniziale è una sorta di sostitutivo. Come se ponesse le basi. Oltretutto il nostro film è nato proprio da un opening crawl. Se esistiamo è grazie a un precedente crwal e così sarebbe stato come questo infinito loop che non sarebbe mai terminato. SI tratta di un piccolo prezzo da pagare per essere nell’universo di Star Wars!”

Niente extended cut per Rogue One

Per quanto riguarda invece le ormai celebri extended cut, i montatori del film, John Gilroy e Colin Goudie, hanno dichiarato a Yahoo UK che non esiste una versione con un montaggio alternativo, e che il film che abbiamo visto e amato in sala è l’unica esistente. “Il primo montaggio del film non era molto più lungo di quello visto al cinema. La versione cinematografica è più o meno uguale, forse 10 minuti di differenza. Non ricordo con esattezza perché è passato oltre un anno, ma non c’è nessuna versione mitologica da quattro ore, non esiste.”

Rogue One a Star Wars Story recensione del film

CORRELATI:

Rogue One A Star Wars Story: il trailer internazionale finale

Diretto da Gareth Edwards su una sceneggiatura di Gary Whitta e Chris Weitz, Rogue One a Star Wars Story è un film prequel ambientato negli anni tra La Vendetta dei Sith e Una Nuova Speranza. Nel cast del film Felicity JonesMads Mikkelsen, Riz AhmedDiego LunaForest Whitaker, Jiang Wen e Ben Mendelsohn. 

Il film sarà certamente ambientato durante il “Dark Time” dell’Impero, Tra gli episodi III e IV e sarò il più oscuro e grintoso film dell’universo di Star Wars. Sembra che il film sarà un war movie vecchia maniera. Nella storia tutti i Jedi vivono in clandestinità e probabilmente saranno sullo sfondo della storia principale. Ci saranno inoltre un sacco di nuove forme di vita aliena. Saranno introdotti nuovi personaggi droidi e Alieni. At-at, X-Wings, Ala-Y, A-Sts saranno presenti nella storia. Ci sarà molta azione nella Jungla. Sembra un nuovo droide sarà parte della banda di ribelli che tentano di rubare i piani della Morte Nera. Felicity Jones sarà un soldato ribelle pronta per la battaglia.