Premio MATTADOR

Il Premio MATTADOR ha presentato alla Mostra del Cinema di Venezia la propria attività e le iniziative in cantiere. Il Premio internazionale di sceneggiatura è stato illustrato all’Hotel Excelsior del Lido, nello Spazio della Regione del Veneto, in un incontro, aperto al pubblico, patrocinato dalla Regione del Veneto.

Alla presentazione, coordinata dal giornalista Pierluigi Sabatti, sono intervenuti, Pietro Caenazzo, presidente dell’Associazione Mattador, Gianluca Novel, responsabile della Friuli Venezia Giulia Film Commission, Stefano Bessoni, regista, illustratore e insegnante di stop motion, Giulio Kirchmayr, coordinatore del Progetto CORTO86.

E’ intervenuto per la Regione del Veneto Cristiano Corazzari, Assessore regionale alla Cultura; ha portato i saluti del Comune di Venezia, Paolo Romor, Assessore alle Politiche educative e Prosindaco del Lido di Venezia.

Sabatti ha ricordato che il Premio è dedicato a Matteo Caenazzo, giovane triestino formatosi all’Università Ca’ Foscari, scomparso prematuramente nel giugno 2009. Nato dal pensiero e dalle passioni di Matteo, con l’obiettivo di far emergere nuovi talenti dai 16 ai 30 anni, Mattador continua nella formazione di giovani sceneggiatori, registi ed illustratori: accanto ai premi in denaro offre qualificati percorsi di formazione dedicati allo sviluppo dei loro progetti – dalla sceneggiatura alla regia, dallo storyboard alla stop motion – svolti insieme a tutor professionisti di livello nazionale ed internazionale. L’iniziativa è resa possibile grazie al contributo di Mibact, Regione Friuli Venezia Giulia, Regione del Veneto, Comune di Trieste, Fondazione Casali di Trieste, alle donazioni private e quote associative.

Sono stati illustrati le recenti collaborazioni e i nascenti progetti con importanti realtà nazionali del cinema. La più recente quella con Genova Liguria Film Commission e Land di Maia Associazione Culturale, che vedrà l’Apertura della nona edizione del Premio Mattador a Genova, il prossimo 6 ottobre.

Si è parlato quindi dei libri che Mattador ha generato a partire dal 2010 insieme alle Edizioni Università di Trieste e sono stati anticipati i contenuti del sesto volume, ora in lavorazione, della collana “Scrivere le immagini. Quaderni di sceneggiatura”. Inoltre è stata anticipata la programmazione dei Mattador Workshop, previsti come ogni anno ad ottobre all’apertura della nuova edizione, con un focus sul seminario di animazione stop motion. Tra le novità del programma, ha particolare spicco la sede del percorso formativo Dolly “Illustrare storie per il cinema” che quest’anno si svolgerà a Los Angeles, nello studio del tutor Daniele Auber.

Ampio spazio è stato dato al Progetto CORTO86 dedicato alla migliore sceneggiatura per cortometraggio: sono state illustrate le fasi di produzione del corto “Ascolta i tuoi occhi” di Marcello Pedretti, tratto dalla sceneggiatura vincitrice della sezione CORTO86 2016, prodotto da Mattador in coproduzione con Fantastificio, Pianeta Zero, Pilgrim, Incandenza, con il supporto di FVG Film Commission. L’incontro si è concluso con la proiezione del cortometraggio, protagonisti gli attori Mily Cultrera di Montesano e Mirko Artuso, presente all’evento assieme all’autore.

Il Progetto CORTO86 2017, vinto dalla sceneggiatura “La serata perfetta” di Daniele Napoli di Catania, inizierà a breve la produzione nella regione Friuli Venezia Giulia.

I vincitori dell’ottava edizione del Premio sono stati premiati il 17 luglio scorso nelle Sale Apollinee del Teatro La Fenice dalla Giuria composta da Pupi Avati, Marina Zangirolami Mazzacurati, Salvatore De Mola, Emilia Bandel, Stefano Bessoni. Mattador mette in palio 5.000 euro alla migliore sceneggiatura per lungometraggio; 1.500 euro al migliore sviluppo del soggetto: i finalisti della sezione soggetto sono accompagnati da sceneggiatori in un percorso di sviluppo dell’idea e della struttura narrativa dei loro lavori; i vincitori della sezione DOLLY “Illustrare storie per il cinema” sono affiancati da concept designer nello sviluppo narrativo della loro storia raccontata per immagini; il vincitore di CORTO86 è accompagnato da tutor e troupe tecnica nelle fasi del processo produttivo del suo cortometraggio, di cui può firmare anche la regia. Infine, le migliori sceneggiature e storie disegnate vengono pubblicate nei volumi della collana dedicata al cinema (Edizioni EUT/Mattador).