Sembrerebbe essere partita con il piede sbagliato la produzione di Bond 25, nuovo capitolo del franchise su James Bond ora in fase di riprese che nelle scorse settimane aveva subito qualche ritardo sulla tabella di marcia a causa dell’infortunio di Daniel Craig e di una serie di esplosioni.

 

Ora invece, secondo quanto riportato dal The Sun, il regista Cary Joji Fukunaga avrebbe tardato di tre ore il suo arrivo sul set perché impegnato in una sessione particolarmente intensa di videogiochi. Questo comportamento avrebbe causato un effetto domino di malcontenti e ulteriori problematiche riguardo la programmazione, perché per non restare indietro con gli impegni e recuperare il tempo perso aspettando Fukunaga, lo studio avrebbe obbligato i lavoratori a fermarsi sulla location anche durante il fine settimana, inclusa la festa del papà.

Le fonti del The Sun affermano che la situazione si è presto tradotta in un vero e proprio ammutinamento da parte di molti membri della troupe, apostrofando il set di Bond 25 con l’appellativo “condannato”. Ovviamente se le voci dovessero essere confermate, il regista dovrebbe rispondere del suo comportamento poco professionale nei confronti di chi lavora per lui.

Ma se ricordate, episodi del genere si erano già verificati nel corso della sua carriera, come le tensioni con il creatore di True Detective Nic Pizzolatto e l’occasione mancata di dirigere l’adattamento cinematografico di IT perché giudicato troppo inaffidabile dallo studio.

Bond 25: trapelati nuovi dettagli sulla trama

Come annunciato lo scorso aprile, la MGM ha assunto Phoebe Waller-Bridge per “ravvivare” lo script di Bond 25 sotto speciale richiesta di Daniel Craig, grande fan di Fleabag e Killing Eve, le due serie prodotte e scritte dall’attrice. Era dal 1963 (l’ultima fu Johanna Hardwood con Dr. NoFrom Russia With Love) che la casa di produzione non assumeva una donna per dare voce ai personaggi del franchise, una scelta oggi più che mai “rilevante”.

Vi ricordiamo che insieme a Craig e Malek figureranno anche Ralph Fiennes (M), Naomie Harris (Eve Moneypenny), Ben Whishaw (Q), Lea Seydoux (Dr. Madeleine Swann), Rory Kinnear (Bill Tanner) e Jeffrey Wright (Felix Leiter). Le new entry del cast sono invece Billy Magnussen, Lashana Lynch e Ana de Armas.

Una parte importante delle riprese si terrà nella città di Matera, capitale europea della cultura per 2019, fornendo l’ambientazione perfetta per quella che dovrebbe diventare la sequenza d’azione del prologo, simile al segmento di apertura di Spectre a Città del Messico durante le celebrazioni del Giorno dei Morti.

Fonte: The Sun