edgar wright

In una lunga intervista con Empire, che gli ha dedicato un servizio speciale all’interno del nuovo numero, Edgar Wright ha annunciato il suo prossimo progetto e parlato del sequel di Baby Driver, un sogno che potrebbe presto diventare realtà.

 
 

Per quanto riguarda il primo impegno, il regista tornerà dietro la macchina da presa con un thriller/horror psicologico ispirato alle atmosfere di A Venezia… un dicembre rosso shocking (Don’t Look Now), il film di Nicolas Roeg del 1973 e Repulsione di Roman Polanski, ambientato a Londra e che vedrà al centro una protagonista femminile.

Mi sono reso conto che non avevo mai raccontato una storia nel centro di Londra, in particolare a Soho, un quartiere dove ho trascorso tantissimo tempo negli ultimi venticinque anni “, ha spiegato Wright a Empire. “Con Hot Fuzz e Shaun Of The Dead ho parlato di luoghi in cui siete vissuti, mentre questo parlerà della Londra in cui sono esistito.”

Sul sequel di Baby Driver ha invece confessato che “Esiste una prima stesura dello script, e sono stati introdotti nuovi personaggi che affiancheranno quelli originali portando la storia molto più in avanti”.

Edgar Wright dirigerebbe un eventuale sequel di Baby Driver

Quest’anno Wright tornerà inoltre al lavoro sul documentario della rock band Sparks, di cui ha già raccolto del materiale e filmato il concerto al O2 Forum Kentish Town di Londra lo scorso Maggio.

La conferma del suo prossimo progetto è arrivata tramite una dichiarazione raccolta da IndiewireHo girato il loro concerto a Londra ma il resto del film è ancora da organizzare e stiamo attualmente perlustrando gli archivi. Sono un fan degli Sparks da quando li ho visti su Top Of The Pops nel 1979“.

Gli Sparks sono stati fondati nel 1972 dai fratelli Ron e Russell Mael, e hanno pubblicato nel 1971 “Halfnelson”, “Big Beat” nel 1976 e “No.” nel 1979. L’album più recente della band, “Hippopotamus”, ha debuttato nel 2017 segnando quota 23 dei dischi registrati in studio.

Fonte: Empire