Star Wars: L'Ascesa Star Wars: L'Ascesa di Skywalker recensione

Arriva oggi nelle sale italiane Star Wars: L’Ascesa di Skywalker, il capitolo finale della trilogia sequel della celebre saga fantascientifica che chiuderà ufficialmente anche la Saga degli Skywalker iniziata nel lontano 1977.

 

Dopo la cancellazione del progetto dedicato agli spin-off del franchise e l’addio di David Benioff e D.B. Weiss, al momento il futuro della saga sembra essere soltanto nelle mani di Rian Johnson, regista de Gli Ultimi Jedi, il quale è stato incaricato di scrivere una nuova trilogia che introdurrà nuovi personaggi e nuove storie.

La premiere mondiale de L’Ascesa di Skywalker è stata un’occasione per numerosi giornalisti per cercare di carpire quante più informazioni possibili sul futuro del franchise, come ha fatto ad esempio Variety, il quale ha chiesto a Bob Iger, Presidente e CEO della Disney, di parlare proprio del futuro di Guerre Stellari sul grande schermo.

Stando a quanto dichiarato da Iger, allo stato attuale delle cose il numero di progetti collegati a Star Wars potrebbe essere di gran lunga inferiore rispetto a quello che il pubblico si aspetta: “Probabilmente il numero di progetti è inferiore a quello che si pensa, perché ciò che noi facciamo è sceglierne qualcuno e vedere come procede la gestazione. In alcuni casi sono progetti che porti alla luce, per vedere come reagisce il pubblico e muoverti poi di conseguenza. Non sono mai così tanti rispetto a ciò che la gente potrebbe pensare. Credo che il numero possa essere infinito, ma faremo molta attenzione perché il prossimo film della saga sarà importantissimo.”

Iger ha poi parlato del ruolo dei fan e di quanto sarà importante il loro giudizio durante lo sviluppo dei nuovi film: “Rispettiamo i fan di Star Wars. Sono molto importanti: per noi, per la Lucasfilm e per il franchise. Facciamo sempre del nostro meglio e abbiamo affrontato molte complicazioni per quanto riguarda il mandare avanti la saga con Il Risveglio della Forza. Volevamo soddisfare i fan tradizionali della saga, ma anche introdurre nuovi personaggi, nuove storie e nuovi luoghi. Con questa nuova trilogia mi sembra che siamo riusciti a fare un buon lavoro muovendoci proprio su questa linea sottile. Siamo consapevoli però di non poter accontentare tutti.”

LEGGI ANCHE – Star Wars: perché Il Risveglio della Forza è simile a Una Nuova Speranza

Star Wars: L’Ascesa di Skywalker, capitolo conclusivo della nuova trilogia del franchise diretto da J.J. Abrams, arriverà nei cinema a dicembre 2019.

Nel cast Daisy RidleyOscar IsaacJohn BoyegaKelly Marie TranNaomi AckieJoonas Suotamo, Adam Driver, Anthony DanielsBilly Dee Williams Lupita Nyong’o, Domhnall Gleeson, Billie Lourd e il veterano del franchise Mark Hamill. Tra le new entry c’è Richard E. Grant.

Il ruolo di Leia Organa sarà interpretato di nuovo da Carrie Fisher, usando del girato mai visto prima da Star Wars: Il Risveglio della Forza. “Tutti noi amiamo disperatamente Carrie Fisher – ha dichiarato Abrams – Abbiamo cercato una perfetta conclusione alla saga degli Skywalker nonostante la sua assenza. Non sceglieremo mai un altra attrice per il ruolo, né mai potremmo usare la computer grafica. Con il supporto e la benedizione della figlia, Billie, abbiamo trovato il modo di onorare l’eredità di Carrie e il ruolo di Leia in Episodio IX, usando del girato mai visto che abbiamo girato insieme per Episodio VII.”

Star Wars: L’Ascesa di Skywalker, leggi la recensione