kobe bryant

Kobe Bryant è morto. La notizia, che lascia il mondo intero in stato di shock, è stata diffusa da TMZ e poi confermata dai principali media americani.

 

La causa della morte è stata un incidente in elicottero: i quattro passeggeri, compreso il campione di Basket e il pilota, sono morti sul colpo. L’ex giocatore dei Lakers aveva 4 figlie che lascia, insieme alla moglie Vanessa, che per fortuna non era sul velivolo.

UPDATE: purtroppo è stato confermato che una delle figlie di Bryant, Gianna, detta Gigi, di 13 anni, era sull’elicottero con il padre. Anche lei non ce l’ha fatta.

Considerato uno dei più grandi giocatori di tutti i tempi, Bryant aveva anche vinto un premio Oscar, nel 2018, per il cortometraggio Dear Basketball. Il cortometraggio era stato realizzato dal genio dell’animazione Glen Keane, con musiche di John Williams. Quando si dice “un incontro tra geni”. Il corto venne presentato al Tribeca del 2017 ed è narrato in voce fuori campo dallo stesso Bryant.

L’atleta, che nel 2015 abbandonò la scena, è stato il primo afroamericano a vincere un Oscar nella categoria dei cortometraggi d’animazione e il primo ex atleta professionista ad essere nominato e a vincere un premio Oscar in qualsiasi categoria.