Il nuovo libro “Star Wars Archives: Eps I-III: 1999-2005” contiene tantissimi dettagli inediti sulla realizzazione della divisiva trilogia prequel di George Lucas, anche se forse è giusto dire che quei film non hanno ricevuto neanche lontanamente l’accoglienza negativa riservata ai recenti episodi.

La trilogia sequel è stata realizzata dalla Disney dopo che il creatore del franchise vendette la Lucasfilm allo studio nel lontano 2012. L’autore Paul Duncan ha di recente condiviso via Twitter un nuovo estratto dal suo libro, in cui Lucas parla di ciò che lo ha spinto a vendere il franchise di Star Wars alla Casa di Topolino.

“A quel tempo stavo iniziando la nuova trilogia. Avevo parlato con gli attori e stavo iniziando a prepararmi. Stavo anche per avere una figlia con mia moglie. Ci vogliono 10 anni per fare una trilogia: quella prequel è durata dal 1995 al 2005 “, spiega Lucas. “Nel 2012 avevo 69 anni. Quindi la domanda era: continuerò a lavorare a questa casa per il resto della mia vita? Voglio farlo ancora? Alla fine ho deciso di crescere mia figlia e godermi la vita per un po’.”

George Lucas e i piani per la trilogia sequel di Star Wars

George Lucas ha ammesso che avrebbe potuto decidere di non vendere la Lucasfilm e magari provare a convincere qualcun altro a farsi carico della trilogia. Tuttavia, ha ammesso che sarebbe stato impossibile per lui non mettere bocca su ciò che sarebbe accaduto nei vari film, qualcosa con cui lo stesso aveva già lottato ai tempi de L’Impero Colpisce Ancora e Il Ritorno dello Jedi (che vennero diretti da altri due registi).

Lucas ha poi negato le voci secondo cui si sarebbe stufato del franchise e ha ammesso di essere rimasto particolarmente deluso dalla decisione della Disney di non seguire i piani che aveva consegnato loro in merito alla direzione che avrebbe dovuto prendere la trilogia sequel.

“Ho passato la mia vita a creare Star Wars – 40 anni – e rinunciarvi è stato molto, molto doloroso”, riflette il regista. “Ma era la cosa giusta da fare. Ho pensato che avrei avuto maggior voce in capitolo sugli ultimi tre perché li avevo già avviati, ma hanno deciso che volevano fare qualcos’altro. Le cose non sempre vanno come vuoi. La vita è anche questo.”