In occasione di una recente ospitata all’interno del programma radiofonico EW Live in onda su SiriusXM, Mark Hamill, il celeberrimo Luke Skywalker della saga di Star Wars, ha rivelato che, all’epoca della realizzazione de Il ritorno dello Jedi, il terzo episodio della trilogia originale della saga fantascientifica, ci rimase alquanto male quando scoprì che il Cavaliere Jedi non sarebbe passato al Lato Oscuro della Forza.

 
 

Stando a quanto rivelato dall’attore, Hamill si è addirittura lamentato con George Lucas dell’arco narrativo del personaggio, spiegando alla mente creativa dietro la saga che – dal suo punto di vista – il fatto che Luke riuscisse a resistere al Lato Oscuro fosse qualcosa di fin troppo “pacato e prevedibile”; naturalmente, Lucas non ha mai condiviso il suo pensiero. Di seguito le dichiarazioni complete di Hamill, riportate da THR:

“Ricordo di essermi lamentato con George [Lucas] per qualcosa relativa a Il ritorno dello Jedi. Gli dissi: ‘È così pacato e prevedibile’, e lui mi rispose: ‘Mark, non dimenticare che questi film sono destinati ad un pubblico molto giovane!’. L’intento originale di George era quello di realizzare dei film per ragazzi: giovani… adolescenti. Siccome indossavo il nero per tutto il tempo, ho pensato che alla fine mi sarei convertito al Lato Oscuro. In qualche modo devi sempre redimere te stesso… ed ogni attore vuole interpretare il proprio gemello cattivo.”

È interessante considerare la possibilità che Luke potesse passare al Lato Oscuro della Forza. Tuttavia, se George Lucas avesse ceduto e cambiato il finale della trilogia originale, il franchise di Star Wars si sarebbe evoluto – da un punto di vista narrativo – in maniera completamente diversa e l’intera sara non sarebbe certamente stata quella che conosciamo e amiamo ancora oggi.

LEGGI ANCHE – Star Wars, Mark Hamill: “La saga non ha più bisogno di Luke”

Dopo la conclusione della “saga degli Skywalker” lo scorso dicembre, con l’uscita in sala di L’Ascesa di Skywalker, la saga continua nelle sue declinazioni fumettistiche e con le serie tv, tra cui The Mandalorian che, dopo una stagione di grande successo conclusasi il 2 maggio, è stata rinnovata per un secondo ciclo.

Nel futuro cinematografico della saga ci sarà spazio per nuovi personaggi che, attraverso le loro storyline, dovrebbero andare a costituire l’assetto di una nuova mitologia (ricordiamo che uno dei prossimi film del franchise sarà diretto da Taika Waititi, regista di Thor: Ragnarok e JoJo Rabbit).