- Pubblicità -

Il terzo episodio di The Falcon and The Winter Soldier della Marvel, dal titolo “Power Broker“, ha visto Sam e Bucky fare una visita a Zemo per scoprire cosa sapeva dei Flag Smashers. È probabile che le cose non siano andate del tutto come si aspettavano i fan.

- Pubblicità -
 

Alla fine, Zemo si è unito agli eroi nella loro missione dopo che Bucky lo ha fatto evadere di prigione. Abbiamo quindi visto un lato diverso del freddo e calcolatore villain di Captain America: Civil War. Nello specifico, in una particolare scena (che sarebbe poi diventata oggetto di numerosi meme) abbiamo visto il Barone scatenarsi e sferrare un po’ di pugni in una discoteca di Madripoor.

Durante un’intervista con EW, Daniel Brühl ha rivelato di aver effettivamente improvvisato quella scena e che, in realtà, hanno girato molto di più rispetto a quanto abbiamo visto nell’episodio: “Quel momento è stato improvvisato quando ho visto la folla ballare, impazzire”, ha detto l’attore. “Ho sentito il ritmo e ho pensato: ‘Zemo è stato rinchiuso in una prigione tedesca per anni. Ha bisogno di sfogarsi e mostrare le sue mosse. Andiamo!’. Mi è piaciuta davvero tanto la reazione di Anthony e Sebastian mentre mi guardavano. Tuttavia, ero sicuro al 100% che l’avrebbero tagliata dalla serie. Alla fine sono rimasto davvero sorpreso e felice che l’abbiano tenuta. È stato un lungo ballo. Avevamo girato di più, ma hanno comunque tenuto questo piccolo momento.”

A Brühl è stato anche chiesto di anticipare qualcosa sul futuro di Zemo nella serie, ma ha specificato che preferirebbe non rovinare la sorpresa ai fan. Tuttavia, ha comunque parlato del cameo, alla fine dell’episodio, di Florence Kasumba e di ciò che il coinvolgimento di Ayo nella serie potrebbe significare per il suo personaggio.

“Si tratta di guerrieri molto intimidatori che mi stanno inseguendo”, ha spiegato l’attore. “Per quanto mi abbia fatto piacere rivedere Florence e parlare con lei – l’unico altro attore tedesco presente sul set -, per Zemo invece la sua presenza significa guai. Dovrebbe stare attento.”

- Pubblicità -