Kirsten Dunst Venezia 78
Foto di Luigi de Pompeis © Cinefilos.it

Kirsten Dunst afferma che la disparità retributiva tra lei e Tobey Maguire in Spider-Man era “estrema”. L’attrice de Il Giardino delle Vergini Suicide ha recitato in tutti e tre i film della trilogia di Spider-Man di Sam Raimi dal 2002 al 2007 nei panni dell’interesse amoroso di Peter Parker, Mary Jane Watson. Quel ruolo, che ha ottenuto a 19 anni, è stato un trampolino di lancio per la carriera di Dunst, che l’ha portata poi alle sue acclamate interpretazioni nel grande cinema, come le collaborazioni con Sofia Coppola e con Lars Von Trier.

 
 

Con Spider-Man: No Way Home in uscita il mese prossimo, il film MCU che collegherà tre generazioni di film di Spider-Man con le apparizioni di Doc Ock di Alfred Molina e Electro di Jamie Foxx, le aspettative rimangono alte sul ritorno degli Spider-Men di Tobey Maguire e Andrew Garfield. Ciò aveva portato alla speculazione che anche i loro rispettivi interessi amorosi, Mary Jane e Gwen Stacy (Emma Stone), potessero unirsi a loro. Tuttavia, entrambe le attrici hanno smentito la teoria, con Dunst che ha messo a tacere le voci in una recente intervista.

Parlando con The Independent per promuove il suo nuovo progetto, Il Potere del Cane, Dunst ha ripensato al suo tempo come Mary Jane, rivelando che la disparità retributiva tra lei e Maguire era “estrema”. Ecco cosa ha detto: “La disparità salariale tra me e Spider-Man era davvero estrema. Non ci ho nemmeno pensato, all’epoca. Ero tipo, “Oh sì, Tobey [Maguire] sta interpretando Spider-Man”. Ma sai chi c’era sul poster del secondo Spider-Man? Spider-Man e ME.”

E’ chiaro che all’epoca non si sollevavano queste questioni che per fortuna al giorno d’oggi sono battaglie giuste e all’ordine del giorno che vanno perseguite fino a che non sarà normale una paga equa e pari per ogni membro del cast a seconda dei proprio coinvolgimento del film.