Pietro Castellitto film

Pietro Castellitto è sicuramente tra coloro che, nonostante una stagione cinematografica osteggiata in tutti i modi dalle miopi decisioni del Governo e l’innegabile difficoltà dovuta alla pandemia, hanno spiccato di più negli ultimi mesi nel panorama cinematografico italiano.

Forte di un esordio dietro la macchina da presa, I Predatori, che ha riscosso molto successo sin dalla presentazione a Venezia, in Orizzonti, dove ha vinto il premio per la sceneggiatura, e di un ruolo che lo ha rilanciato agli occhi di un pubblico ultra popolare, quello di Francesco Totti, nella serie Speravo de morì prima di Sky, l’attore, sceneggiatore e regista e sotto gli occhi di tutti.

Durante un’intervista con il Corriere della Sera, Pietro Castellitto ha rilasciato delle dichiarazioni che hanno fatto discutere, perché rivolte, con tono negativamente critico, al movimento del MeToo, che a poco a poco sta cambiando le regole del gioco nel mondo dello spettacolo, anche arrivando a decisioni estreme:

“Per fare l’attore devi saper dire le bugie e fare gli scherzi – ha dichiarato Castellitto – Se non scherzi più, il tuo percorso è stato sacrificato alle consuetudini e al perbenismo dominante. Negli anni ’20 Al Capone faceva soldi gestendo alcol e droga, oggi li fai perpetuando il bene. Penso ai milioni incassati dagli studi legali attraverso il monumento all’ipocrisia del #MeToo, battaglia sacrosanta, ma se Kevin Spacey mi mette la mano sulla coscia gliela sposto, non gli rovino la vita chiedendo pure i soldi; io vedo la volontà di potenza che sfrutta questa crociata morale per ingrassarsi, sto parlando come amante di Nietzsche, che studiai a Filosofia. Ho anche compiuto un viaggio in Germania sulle sue tracce, ho dormito nella casa museo dove ha ideato Zarathustra… “