Star Wars: L'Ascesa di Skywalker dark rey

Secrets of the Sith, il libro tie-in di Star Wars, ha finalmente rivelato il vero piano di Palpatine per Rey in Star Wars: L’ascesa di Skywalker. Darth Sidious si considerava un pianificatore esperto – gli piaceva vantarsi che tutto stava procedendo come aveva previsto – ma in verità il segreto del suo successo era la sua stessa capacità di adattamento. Palpatine aveva la capacità di creare opportunità dalle minacce, fino a quando i suoi eventuali piani non diventarono sofisticate ragnatele in cui erano intrappolati i suoi nemici.

 
 

L’Ordine 66, il culmine delle Guerre dei Cloni, dovrebbe essere considerato il miglior esempio. Il Maestro Jedi Sifo-Dyad divenne una minaccia per i piani dell’Imperatore quando iniziò a ricevere visioni delle prossime Guerre dei Cloni e chiese ai Kaminoani di creare un esercito di cloni che credeva avrebbe aiutato i Jedi a sopravvivere. Quando Palpatine lo seppe, ordinò al suo apprendista Conte Dooku – ironia della sorte di un amico d’infanzia di Sifo-Dyas – di uccidere il Maestro Jedi e assumere il controllo del programma clone, con chip inibitori impiantati all’interno dei cloni che avrebbero permesso a Palpatine di prenderne il controllo quando il tempo sarebbe arrivato. E così il più grande successo di Palpatine è nato da una crisi che avrebbe potuto essere la sua rovina.

I piani di Palpatine per Rey in Star Wars: L’ascesa di Skywalker

Secrets of the Sith, che si finge un racconto in prima persona di Palpatine, comprende delle note finali che sono chiaramente scritte poco prima della cronologia degli eventi di Star Wars: L’ascesa di Skywalker e rivelano i piani originali dell’Imperatore per sua nipote. Sembra che Palpatine originariamente intendesse che Ben Solo diventasse il corpo che avrebbe ospitato la sua presenza nella Forza, spiegando perché si era impegnato così tanto per attirare Kylo Ren al Lato Oscuro. Avrebbe quindi permesso a Rey di diventare imperatrice, governando al suo fianco, anche se, ovviamente, è improbabile che Palpatine considerasse questa una potenziale unione tra pari. I piani di Palpatine devono essere cambiati quando Kylo Ren ha iniziato ad allontanarsi  dal Lato Oscuro, liberato prima dall’uso del potere di guarigione della Forza da parte di Rey e poi da un ultimo messaggio amorevole di sua madre, Leia Organa.

Secrets of the Sith aiuta a spiegare alcune delle strane contraddizioni in Star Wars: L’ascesa di Skywalker, confermando che Palpatine si stava adattando rapidamente a circostanze che di certo non aveva previsto. Suggerisce inoltre che la visione di Dark Rey vista sulla Morte Nera – uno dei momenti più agghiaccianti dell’intera trilogia del sequel – sia stata un invio da parte di Palpatine stesso, un accenno al futuro che aveva immaginato per sua nipote.

I piani dell’Imperatore fallirono, ovviamente, perché aveva sottovalutato il potere liberatorio del Lato Chiaro in Star Wars. Decidendo di impossessarsi del corpo di Rey invece che di quello di Ben Solo, non si era reso conto che faceva parte di una Diade della Forza: lei si rifiuta di ucciderlo seguendo rabbia e odio, e così chiude la porta ai sentimenti che l’avrebbero resa in corpo ospite perfetto per lo spirito di Palpatine. Per quanto l’Imperatore cercasse di fingere di avere il controllo degli eventi, alla fine di Star Wars: L’ascesa di Skywalker stava subendo una battuta d’arresto dopo l’altra, finché alla fine Rey lo uccide con il suo fulmine della Forza.