The Avengers Oscar 2019

A detta di Scarlett Johansson, interprete di Vedova Nera nel MCU, c’è stato un momento ben preciso durante la realizzazione di The Avengers in cui il cast del film ha capito che sarebbe diventato un enorme successo.

Il MCU è stato inaugurato ufficialmente nel 2008 con Iron Man, con lo studio che negli anni a venire si è focalizzato sugli standalone dedicati all’introduzione dei Vendicatori originali. Sebbene Edward Norton alla fine sia stato sostituito da Mark Ruffalo nei panni di Hulk e Vedova Nera non abbia ottenuto un film a lei dedicato, i titoli della Fase 1 hanno comunque avuto un enorme successo e hanno dato alla Marvel la sicurezza di poter riunire tutti gli eroi sul grande schermo all’interno di un solo film.

The Avengers è arrivato nelle sale nel 2012 e in breve tempo è diventato un vero e proprio fenomeno, arrivando ad incassare oltre 1,5 miliardi di dollari al botteghino. Il film è stato anche elogiato dalla critica, che ne ha particolarmente apprezzato con solo la trama coesa ma anche le perfette interazioni tra i diversi personaggi. Il resto è storia, con il MCU divenuto uno dei franchise cinematografici di maggior successo di tutti i tempi.

Il grande successo di The Avengers

Scarlett Johansson, interprete di Vedova Nera nel MCU (che avrà finalmente il suo lungometraggio da solista il prossimo luglio, l’attesissimo Black Widow), ha rivelato a The Gentlewoman il momento esatto in cui l’intero cast di The Avengers si è reso conto che il film aveva il potenziale per diventare un enorme successo. Johnasson ha parlato della scena – divenuta ormai iconica – in cui tutti i sei i Vendicatori originali si ritrovano in mezzo alle macerie di New York City, pronti ad affrontare la battaglia. Quando il cast ha avuto la possibilità di vedere il girato, immediatamente tutti si sono resi conto della portata di ciò che stavano facendo e di cosa quel film sarebbe potuto diventare.

“Ricordo quando abbiamo girato quella scena a 360°”, ha detto Scarlett Johansson. “Eravamo in piedi tra le macerie della Grand Central, o qualsiasi altra cosa fosse. C’ero questo attacco alieno e noi eravamo in piedi, pronti. Eravamo lì. Quando poi abbiamo visto il girato… penso che quello sia stato il momento in cui tutti noi, dopo sei mesi di riprese, abbiamo esclamato finalmente: ‘Funzionerà. Funzionerà alla grande’.”