Seth Rogen su i film Marvel sono “orientati verso” i bambini: “Non sono per me”, un adulto senza figli

-

In qualità di produttore di “The Boys” per Prime Video, Seth Rogen ha avuto una serie di esperienze nel mondo degli adattamenti di fumetti. In una nuova intervista con la rivista Total Film, l’attore ha ammesso che “The Boys” “non esisterebbe né sarebbe interessante” senza il Marvel Cinematic Universe, ma ciò non significa che guardi i film Marvel. L’attore ha detto che da adulto senza figli, trova difficile entrare nel MCU, perché è un po’ troppo “orientato verso” i bambini per i suoi gusti personali.

Penso che Kevin Feige sia un ragazzo brillante, e penso che molti dei cineasti che ha assunto per realizzare questi film siano grandi cineasti“, ha detto Rogen. “Ma come qualcuno che non ha figli… È [tutto] orientato verso i bambini, sai? Ci sono momenti in cui dimenticherò. Guarderò una di queste cose, da adulto senza figli, e dirò, ‘Oh, questo non fa per me.”

Parte del motivo per cui Seth Rogen  voleva che la sua società di produzione lanciasse “The Boys” è dovuto al fatto che si era reso conto che gli adulti non avevano film a fumetti o spettacoli con una prospettiva adulta e più matura. Tuttavia, non è un colpo contro la Marvel. E mentre l’MCU ha i suoi detrattori di alto profilo, da Martin Scorsese a Quentin Tarantino, Rogen affronta il dibattito sui film con una prospettiva più distensiva.

In verità, senza la Marvel, ‘The Boys’ non esisterebbe né sarebbe interessante. Ne sono consapevole”, ha detto Rogen. “Penso che se fosse solo Marvel [sul mercato], sarebbe un male. Ma penso che non lo sia – chiaramente. Un esempio che cito sempre è che c’è un punto nella storia in cui un gruppo di cineasti sarebbe rimasto seduto a dire: “Pensi che faremo mai più un film che non sia un western?” Tutto è un western! I western dominano i fottuti film. Se non ha un cappello, una pistola e una carrozza, la gente non andrà più a vederlo.’

La situazione, purtroppo, è che ora abbiamo due campi separati: c’è l’intrattenimento audiovisivo mondiale e c’è il cinema“, ha aggiunto Rogen. “Si sovrappongono ancora di tanto in tanto, ma sta diventando sempre più raro. E temo che il dominio finanziario di uno venga utilizzato per emarginare e persino sminuire l’esistenza dell’altro”. The Boys non solo tornerà per la sua quarta stagione entro la fine dell’anno, ma riceverà anche la sua prima serie spin-off live-action. La serie si intitolerà “Gen V” e sarà ambientata al college e dovrebbe debuttare su Prime Video nel corso di quest’anno.

Redazione
Redazione
La redazione di Cinefilos.it è formata da un gruppo variegato di appassionati di cinema. Tra studenti, critici, giornalisti e aspiranti scrittori, il nostro gruppo cresce ogni giorno, per offrire ai lettori novità, curiosità e informazione sul mondo della settima arte.

Articoli correlati

- Pubblicità -

ALTRE STORIE

- Pubblicità -