Tra le molte sequenze ricche di tensione in A Quiet Place – Un posto tranquillo c’è anche quella in cui vediamo i due figli della famiglia Abbott (interpretati da Millicent Simmonds e Noah Jupe) giocare a Monopoly nel più assoluto silenzio e in seguito rovesciare una lanterna alimentata ad olio.

Questa è la vecchia teoria della pistola carica posta all’inizio di una scena per creare tensione“, racconta John Krasinski, riferimento all’espressione “pistola di Cechov” che sta a indicare un elemento della storia che appare all’inizio della vicenda ma di cui si comprende il significato, attraverso una improvvisa rivelazione, solo più avanti.

La realizzazione della scena è stata descritta dettagliatamente dal regista e attore in questo interessante video pubblicato da Vanity Fair. Nella stessa clip Krasinski spiega quali sono stati i riferimenti cinematografici per il look del film (La sottile linea rossa e I giorni del cielo di Terrence Malick), le ragioni dietro la scelta di girare in pellicola e il contributo della scenografia.

Vi lasciamo il video qui sotto.

A Quiet Place: Un Posto Tranquillola recensione

A Quiet Place: Un posto tranquillo, scritto e diretto da John Krasinski e interpretato da Emily Blunt, è attualmente al cinema.

Per il suo terzo film da regista, l’attore sceglie di esplorare e mescolare due registri narrativi, come l’Horror e il Thriller, che si fondono mostrando l’unico comune denominatore: il soprannaturale.

Di seguito la sinossi: Nel 2020, la Terra è stata invasa da predatori alieni privi di vista e con un udito estremamente sensibile. L’89° giorno dopo la misteriosa invasione, la famiglia Abbott, composta da Lee, la moglie Evelyn, la figlia sorda Regan e i figli Marcus e Beau, cerca rifornimenti nei locali di un cittadina abbandonata rimanendo in silenzio il più possibile, comunicando solo attraverso il linguaggio dei segni. 

John Krasinski torna alla regia con Life On Mars

Fonte: Vanity Fair