Leonardo DiCaprio

Nonostante sia una cattiva informazione molto diffusa, Leonardo DiCaprio NON interpreterà Charles Manson nel nuovo film di Quentin Tarantino, soprattutto perché il film in questione non parlerà di Manson, o meglio, non soltanto di lui.

L’attore premio Oscar e il regista de Le Iene torneranno a collaborare per il nono film di Tarantino, che sarà, sì ambientato nella Hollywood del 1969, ma non parlerà esclusivamente della Famiglia Manson, pur trovando spazio per raccontare della terribile strage che convolse la moglie di Roman Polanski, Sharon Tate.

Mike Fleming di Deadline ha adesso la possibilità di fornire ulteriori dettagli sul ruolo di DiCaprio per Tarantino; il primo report parlava di un ruolo di “attore invecchiato” che sarebbe stato interpretato da Leo.

Ora abbiamo a disposizione una storia del personaggio: “Quello che DiCaprio interpreterà, in maniera più specifica, è un attore che ha il suo show western, Bounty Law, in onda tra il 1958 e il 1963. Il suo tentativo di approdare al cinema non è andato a buon fine e nel 1969, l’anno in cui è ambientato il film durante l’ascesa del movimento hippy, è ospite degli spettacoli di altre persone mentre contempla l’idea di andare in Italia, che è diventato un focolaio per i western a basso budget.”

Leonardo DiCaprio vorrebbe essere Stan Lee al cinema

Lo stesso Fleming conferma che sia Tom Cruise che Margot Robbie sono ancora in corsa per partecipare al film, in particolare la Robbie potrebbe diventare la sfortunata Sharon Tate sullo schermo.

Leonardo DiCaprio torna a lavorare con Tarantino, dopo il suo sanguinolento ruolo di Django Unchained e torna a progetti importanti da protagonisti, dopo il sofferto ruolo in The Revenant, che gli è valso finalmente il premio Oscar nella categoria Migliore attore protagonista.

Al momento, Quentin Tarantino è al lavoro anche sul suo film su Star Trek, insieme a J.J. Abrams.