Tre film a rappresentare l’Italia al 65esimo Festival di Cannes, di cui due fuori concorso. Tre pellicole che non potrebbero essere più diverse, quasi a dimostrare per l’ennesima volta i contrasti interni che da sempre hanno caratterizzato il nostro Paese.
A concorrere per la Palma d’oro Reality di Matteo Garrone, una riflessione amara sull’Italia contemporanea attraverso la storia di Luciano.
Ma fuori concorso sono arrivati anche Io e te di Bernardo Bertolucci e Dracula 3D di Dario Argento, per la prima volta sulla Croisette.
E così al Festival l’Italia viene rappresentata da uno spaccato, perfetto per ogni tipo di sproloquio sociologico, della vita del cittadino medio italiano; dalla trasposizione cinematografica di un romanzo di Niccolò Ammaniti che parla non solo di adolescenza e, a sorpresa, dall’horror nostrano.

Fonte: Corriere.it