Amybeth McNulty, chi è? Curiosità sull’attrice di Chiamatemi Anna

1051
Amybeth McNulty in Chiamatemi Anna
dalla serie Chiamatemi Anna - Amybeth McNulty

Continua come sempre il nostro viaggio tre le nuove generazioni di attori e attrici. Dopo avervi parlato di Madelyn Cline, Madison Bailey, Aron Piper e molti altri ancora, oggi è la volta di una giovanissima dai capelli rossi. La piccola Amybeth McNulty, protagonista di Chiamatemi Anna, la serie Netflix ispirata al romanzo Anna dai Capelli Rossi, è riuscita a conquistare il cuore degli spettatoti di tutto il mondo.

Se non avete ancora avuto modo di innamorarvi della nuova piccola Anna dai capelli rosssi targata Netflix e della sua giovane interprete, qui troverete tutto quello che c’è da sapere su Amybeth McNulty.

Amybeth McNulty film e serie tv: gli inizi della sua carriera

Amybeth McNulty, età 19 anni, nata il 7 novembre del 2001 a Donegal Town, in Irlanda, è un’attrice di origini miste, con padre irlandese e madre canadese. Grazie ai suoi genitori, Amybeth ha la doppia cittadinanza irlandese e canadese ed ha potuto quindi esplorare a fondo le culture di entrambi i paesi.

Data la sua giovane età, della sua vita privata e della sua istruzione si conosce ancora poco. Da quello che sappiamo, la sua carriera comincia relativamente presto, quando Amybeth ha appena tredici anni. La sua prima esperienza cinematografica risale infatti al 2014 quando prende parte al film A Risky Undertaking, diretto da Ariadne Pleasant.

Negli anni successivi la vediamo anche alle prese con piccoli ruoli in alcune serie tv come Agatha Raison (2014), Clean Break (2015) e The Sparticle Mystery (2015). Il progetto cinematografico più importante al quale partecipa, tuttavia, arriva nel 2016 quando Amybeth viene scelta per un piccolo ruolo nel film Morgan, diretto da Luke Scott, figlio del celebre Ridley Scott.

Ambientata in in futuro prossimo e sconosciuto, il film racconta la storia di Morgan, uno sorta di sofisticatissimo robot dalle sembianze umane, creato in laboratorio per essere impiegato in campo militare e non solo. Grazie alle modifiche apportare dagli scienziati del progetto, Morgan è dotata di un’intelligenza senza precedenti, di abilità militari e deduttive straordinari e inoltre sembra in grado di comprendere e replicare ogni emozione umana.

Trattata come un semplice robot, un esperimento di laboratorio, Morgan viene tenuta rinchiusa in una cella dove, insieme alla sua età, cresce anche la sua rabbia e la sua voglia di vendetta e libertà. Nel film diverse attrici interpretano il ruolo della protagonista, ovvero, Courtney Caldwell (Morgan a 5 anni), Amybeth McNulty (Morgan a 10 anni) e Anya Taylor-Joy.

Amybeth McNulty in Chiamatemi Anna: la serie evento di Netflix

La prima vera occasione per Amybeth McNulty, tuttavia, arriva nel 2017 quando viene scelta per interpretare il ruolo della protagonista nella nuova serie Netflix dal titolo Chiamatemi Anna. Tratta dal celebre romanzo di formazione Anna dai Capelli Rossi di Lucy Maud Montgomery, la serie racconta delle avventure della piccola Anna e della sua difficile infanzia.

Alla fine del XIX secolo, il 23 marzo nella piccola cittadina di Bolingbroke, nella Nuova Scozia, nasce la piccola Anna Shirley, figlia di Walter e Bertha Sherley, sue insegnanti di scuola superiore. A tre mesi dalla nascita di Anna, i due purtroppo vengono a mancare a causa di una grave malattia infettiva e la piccola si trova improvvisamente sola al mondo. Anna viene quindi affidata alla vicina, la Signora Thomas, e alla sua famiglia. La donna però si rivela essere una madre adottiva completamente inadatta; oltre ad avere un marito violento e alcolizzato che picchia Anna, la donna costringe la ragazzina a occuparsi dei suoi figli.

Un giorno però, mentre il signor Thomas sta picchiando Anna, l’uomo ha un infarto e stramazza al suolo. Distrutta dalla morte del marito e in collera con la bambina, la signora Thomas manda via Anna che, all’età di otto anni, viene affidata alla signora Hammond, moglie e madre di ben otto figli. L’intera famiglia vive in una casa fatiscente in riva a un fiume e cerca di sopravvivere come meglio può. Anche Anna, nel suo piccolo, cerca di aiutare prendendosi cura dei suoi fratellini adottivi.

Leggi anche: Francesca Farago, chi è? Curiosità sulla star di Too Hot To Handle

Tuttavia, anche la sua permanenza dagli Hammond ha vita breve. Due anni dopo, infatti, a causa della morte del signor Hammdon, Anna è costreta a cambiare nuovamente casa e finisce nell’orfanotrofio di Hopetown. Qui la piccola resta per soli quattro mesi durante i quali cerca in tutti i modi di mantenere un atteggiamento positivo.

Nonostante infatti Anna sia ormai rimasta sola al mondo e nessuno sembri disposto ad accoglierla in famiglia, la piccola fa leva sulla sua incredibile immaginazione per sfuggire alla tristezza che la circonda. Anna è un’anima gentile e sognatrice intrappolata in un modo di pragmatica rassegnazione.

Nella prima stagione della serie, Anna viene affidata dall’orfanotrofio a due anziani fratelli, Marilla (Geraldine James) e Matthew Cuthbert (R.H. Thomson). I due, entrambi senza moglie, marito né figli, gestiscono una fattoria chiamata Green Gables nella città di Avonlea, in Canada ed hanno bisogno di qualcuno che li aiuti per mandare avanti l’attività. Matthew, ormai vecchio e malato di cuore, decide di comune accordo con la sorella di adottare un ragazzo dall’orfanotrofio affinché li aiuti col lavoro nei campi.

Dalla Nuova Scozia, tuttavia, viene inviata la piccola Anna, ormai tredicenne, contenta di aver finalmente trovato una famiglia. Ma Anna non è esattamente ciò che i Cuthbert si aspettano. Nonostante la delusione iniziale, Matthew e Marilla restano colpiti dalla triste storia della ragazzina e decidono di tenerla con loro.

La serie Chiamatemi Anna, disponibile in streaming su Netflix, ad oggi conta al suo attivo ben 3 stagioni e 27 episodi. Nonostante il successo ottenuto dalla serie, proprio pochi giorni dopo l’uscita della terza stagione, Netflix ha annunciato la cancellazione di Chiamatemi Anna.

Amybeth McNulty 2020: i nuovi progetti

Grazie alla sua incredibile interpretazione nella serie Chiamatemi Anna, la popolarità della piccola Amybeth McNulty è cresciuta a dismisura. Dopo la cancellazione della serie, infatti, Amybeth ha subito cominciato a lavorare su due nuovi progetti che ad oggi, a causa della pandemia da Coronavirus, sono fermi in fase di post-produzione.

Il primo dei due film bloccati dalla pandemia è Maternal, diretto da Megan Follow. Il film racconta la storia di Charlie McLoad (Amybeth McNulty), una sedicenne che, in macchina per raggiungere il matrimonio del padre, resta coinvolta in un gravissimo incidente. Durante la corsa in ospedale e i tentativi di rianimazione dei medici, per qualche breve istante, Charlie muore sul tavolo operatorio.

Durante questi secondi cruciali, la ragazza vive un’esperienza di pre-morte e il suo spirito si ricongiunge con quello della defunta madre Claire (Megan Follow). Quest’incontro inaspettato, a metà strada tra lad vita e la morte, renderà la loro imminente separazione ancor più dolorosa. Riuscirà Charlie a tornare indietro verso la vita? Ma soprattutto, riuscirà Claire a dire di nuovo addio alla sua bambina?

Il secondo film in attesa è Black Medicine, scritto e diretto da Colum Eastwood. In questa seconda pellicola, un thriller in piena regola, ci troviamo immersi nel mondo della criminalità organizzata. Bernadette (Orla Brady) è un medico che lavora per il mercato nero, prestando i suoi servigi ai criminali più feroci e violenti. Durante una delle sue operazioni illecite per conto dei suoi loschi capi, Bernadette incontra Áine (Amybeth McNulty), una giovane ragazza in fuga proprio dai suoi datori di lavoro. La donna dovrà quindi decidere se aiutare Áine onorando il suo giuramento medico o rischiare di compromettere la sua posizione all’interno dell’organizzazione criminale.

Amybeth McNulty su Instagram

Nonostante Amybeth sia molto attiva sui social e in particolar modo su Instagram e Twitter, ad oggi sappiamo ancora poco della vita privata dell’attrice. In molti, negli ultimi anni, si sono chiesti se la McNulty avesse o meno una storia segreta con Lucas Jade Zumann, suo collega e interprete del personaggio di Gilbert Blythe nella serie Chiamatemi Anna.

In occasione del mese del Pride 2020, l’attrice ha utilizzato il suo profilo Twitter per fare coming out. La dolce Anna dai capelli rossi – o meglio, biondi! -, ha dichiarato di esser bisessuale, notizia che è stata accolta con grande entusiasmo dai suoi fan che l’hanno supportata e riempita di messaggi incoraggianti sui social.

Per restare sempre aggiornati sulle avventure professionali e provate di Amybeth McNulty, vi consigliamo di seguire i suoi account ufficiali Instagram e Twitter.

Fonte: Wiki, IMDB,