Red Notice: le 10 migliori citazioni del film Netflix

Red Notice ha debuttato su Netflix in cima alla top 10, scopriamo di più sul film: ecco le 10 migliori citazioni del film Originale Netflix.

1481

ATTENZIONE: L’articolo contiene spoiler del film Red NoticeA pochi giorni dall’uscita sulla piattaforma Netflix, Red Notice ha già conquistato il pubblico. Complici il cast stellato e le battute ben architettate tra i protagonisti, molte frasi del film hanno ottime possibilità di diventare citazioni divertenti. Red Notice racconta la storia dell’agente John Hartley (The Rock/ Dwayne Johnson) e del ladro Nolan Booth (Ryan Reynolds) che diventano un team contro un nemico comune: il più abile rapinatore al mondo, LìAlfiere (Gal Gadot).

Le tre Uova di Cleopatra, reliquie d’oro di altissimo valore, sono al centro delle vicende: donate da Marco Antonio all’amata, sono oggi ambiti oggetti di lusso di cui sia Nolan che l’Alfiere vogliono impossessarsi. In un’avvincente ricerca che spazia dall’Italia alla Russia, fino all’Argentina e all’Egitto, la caccia alle uova mette a dura prova l’agente e i due rapitori. L’ironia pungente di Red Notice è condensata in alcune frasi particolarmente d’affetto. Ecco le 10 migliori citazioni dal film!

10La cronologia del browser

Gal Gadot e The Bishop-in-Red-Notice
   

L’Alfiere, impersonata dall’affascinante Gal Gadot, ha una marcia in più. È lei che tiene le fila del gioco per buona parte del film. In Red Notice, se Hartley è il braccio e Booth è la mente, l’Alfiere riesce da sola a essere entrambe le cose: astuta, esperta hacker dei sistemi informatici, anche se non ha i muscoli di The Rock stende a terra tutti gli uomini che ostacolano il suo cammino.

Tra questi, c’è anche l’innocuo analista londinese che Gal Gadot lega ad una sedia (per mandare dal computer dell’uomo un messaggio all’Interpol ed eliminarne le tracce). Finito il suo lavoro, l’Alfiere saluta così l’uomo ammanettato: ”Voglio che tu tenga presente una cosa di fondamentale importanza importanza: conosco tutti i tuoi collaboratori e tutti i membri della tua famiglia. E conosco la cronologia del tuo browser.”

Indietro