Sean Connery: i più grandi ruoli rifiutati dall’attore

Sean Connery, scomparso di recente all'età di 90 anni, è stato una leggenda, ma negli anni è divenuto noto anche per aver rifiutato una serie di celebri ruoli.

1012

Sebbene Sean Connery, scomparso lo scorso weekend all’età di 90 anni, possa essere noto ai più per la sua iconica interpretazione di James Bond nella longeva saga di 007, l’illustre carriera del leggendario attore è stata definita anche da una serie di opportunità mancate che gli hanno impedito di interpretare altri grandiosi personaggi. Connery, infatti, è divenuto celebre per aver rifiutato alcuni ruoli molto noti. Screen Rant ha raccolto tutti i grandi ruoli cinematografici che sono stati declinati dalla leggenda scozzese:

6Gandalf ne Il Signore degli Anelli

 

Sean Connery avrebbe potuto interpretare il ruolo forse più iconico dell’intera carriera di Ian McKellen, ossia quello di Gandalf nella trilogia de Il Signore degli Anelli, iniziarta nel 2001 con La compagnia dell’anello. Un report del 2012 afferma che Connery avrebbe rifiutato circa 450 milioni di dollari, inclusa una quota considerevole in merito agli incassi. La domanda sorge dunque spontanea: perché Connery avrebbe scelto di declinare l’opportunità di prendere parte a quello che si è poi trasformato nel franchise cinematografico più importante degli ultimi vent’anni?

NME riferisce che Connery “non ha mai capito la sceneggiatura” de Il Signore degli Anelli. Anche dopo aver visto il film, Connery ha affermato di non essere riuscito a dare un senso alla storia, sebbene abbia elogiato la performance di McKellen nei panni di Gandalf. Forse c’erano semplicemente troppi elementi fantasy per i gusti di Connery, anche se questo sembra alquanto strano, dato che Connery ha doppiato un drago sputafuoco generato tramite CGI in Dragonheart del 1996.

Indietro