Spider-Man: No Way Home, la spiegazione del finale – SPOILER

Ecco l'articolo che fa per voi, per rivisitare tutto ciò che accade nelle battute finali di Spider-Man: No Way Home!

15930

ATTENZIONE – L’ARTICOLO CONTIENE SPOILER SU SPIDER-MAN: NO WAY HOME

Spider-Man: No Way Home costituisce a tutti gli effetti il capitolo conclusivo della prima trilogia dell’MCU incentrata sull’arrampica-muri e, per il grandioso Tom Holland, questa potrebbe trattarsi in ultima istanza del suo definitivo saluto al personaggio di Peter Parker… in qualsiasi universo.

La produttrice del franchise Amy Pascal ha suggerito che un’altra trilogia sul nostro Spidey è in lavorazione (facendo poi rapidamente marcia indietro), mentre il CEO della Sony Pictures ha confermato che c’è un accordo in atto per i Marvel Studios per concedere all’amato Spider-Man almeno un’altra prossima apparizione. All’apparenza, ci sono quindi state dichiarazioni fuorvianti su ciò che accadrà prossimamente, ma in che modo Spider-Man: No Way Home potrebbe impostare il futuro dell’iconico personaggio sul grande schermo?

Qui di seguito, abbiamo analizzato tutto ciò che accade alla fine del film, soffermandoci nel dettaglio sugli step necessari per il nostro Peter per poter superare ogni ostacolo gli si palesi dinanzi e procedere con la rinascita dell’ineguagliabile Uomo Ragno.

4Come prima cosa, ecco un po’ di background…

spider-man: no way home finale

Con un piccolo aiuto da parte dei suoi amici, Spider-Man riesce a sconfiggere i cattivi approdati nel MCU da altre realtà. Tuttavia, il Multiverso comincia a sfaldarsi e chiunque sappia che sotto la maschera dell’arrampica-muri c’è Peter Parker, irrompe in scena… in un epico scontro finale.

Attraverso le crepe nella multiverso, scorgiamo le sagome di personaggi come Kraven il Cacciatore, Rhino e Scorpion (tra gli altri), e diverrebbe impossibile contrastarli se se non si riuscisse a far qualcosa per fermare lo squarcio temporale. L’unico modo per risolvere questo marasma è portare a compimento l’incantesimo di prima, ma c’è un tragico colpo di scena che subentra nella narrazione…

Indietro