The Acolyte: tutti gli Easter Eggs dell’episodio 4

The Acolyte easter Eggs episodio 4

The Acolyte, l’ultima serie di Star Wars, ci porta all’epoca dell’Alta Repubblica per la prima volta in live-action. Dopo l’episodio flashback della scorsa settimana, che ha approfondito le storie di una giovane Osha (Lauren Brady) e di Mae (Leah Brady), il quarto episodio di The Acolyte torna al “giorno d’oggi” e ci riporta con Osha e Mae (entrambe interpretate da Amandla Stenberg) mentre si avvicinano a un vero e proprio ricongiungimento. Mae, che finora si credeva morta, è al servizio di una specie di maestro oscuro che le ha ordinato di uccidere un Jedi senza armi per completare il suo addestramento.

Ha ucciso con successo due dei quattro soggetti della sua ricerca: la Maestra Indara (Carrie-Anne Moss) e il Maestro Torbin (Dean-Charles Chapman), nessuno dei quali ha raggiunto gli standard del suo maestro. Ora Mae dà la caccia al Maestro Jedi Wookiee Kelnacca (Joonas Suotamo), mentre il Maestro Sol (Lee Jung-jae), l’ultimo della sua lista di obiettivi, e una ventina di Jedi cercano di intercettarla prima che arrivi al Maestro Kelnacca. The Acolyte, creato da Leslye Headland, compie uno dei più grandi salti temporali di qualsiasi altro film di Star Wars, quindi le Easter Eggs potrebbero essere più difficili da individuare, ma questo le rende ancora più eccitanti da trovare.

Iscriviti a Disney+ per guardare The Acolyte e le più belle storie di Star Wars. Dove vuoi, quando vuoi.

6 the acolyte kelnacca bowcaster-wookiee

Il maestro Kelnacca e un’arma Wookiee familiare

Quando visitiamo il Maestro Kelnacca nella sua capanna sul pianeta giungla Khofar, è evidente che ha scelto una vita di solitudine dopo il disastro su Brendock. Proprio come il voto di meditazione silenziosa del Maestro Torbin, il ritiro di Kelnacca porta con sé un senso di autopunizione e di rimpianto (di cui vedremo più avanti). Nella sua capanna nascosta, tuttavia, si intravede qualcosa che sarà familiare a tutti i fan degli Wookiee. Accanto a Kelnacca c’è un bowcaster, l’iconica arma scelta da molti membri della sua specie, tra cui l’esercito Wookiee di Kashyyyk nei prequel e, naturalmente, Chewbacca.

5 the acolyte kelnacca-brendok-witches

I simboli delle streghe di Brendock a Khofar

A ulteriore conferma dell’idea che il Maestro Kelnacca nutre un profondo rimpianto per gli eventi di Brendock, nella sua capanna su Khofar si possono vedere immagini della congrega di Brendock. I cerchi, le spirali e le curve punteggiate, che compaiono in tutto Brendock, sono stati ricreati sulle pareti della capanna di Kelnacca. I simboli, che molte delle streghe portavano come tatuaggi, sembrano essere rimasti impressi nella mente di Kelnacca. Il rimpianto che incombe sui Jedi, un sentimento di cui il Maestro Torbin ha dato prova quando ha posto volontariamente fine alla propria vita, esiste anche in Kelnacca. Inoltre, il Maestro Sol ha accennato a condividere un sentimento simile e in questo episodio lo dice apertamente quando convince Osha a unirsi a loro nella missione per trovare Mae.

4 the acolyte ki adi mundi

Ki-Adi-Mundi fa un sorprendente cameo in Star Wars

Mentre i Jedi stanno discutendo su come gestire l’inseguimento omicida di Mae, fa la sua comparsa un volto immediatamente riconoscibile della trilogia prequel. Sì, è il Maestro Jedi Ki-Adi-Mundi. Sebbene in tutti e tre i prequel sia stato interpretato da Silas Carson e in The Acolyte da Derek Arnold, i titoli di coda dell’episodio confermano che si tratta proprio di Ki-Adi-Mundi. Con un’arcata sopraccigliare notevolmente pronunciata e la caratteristica testa alta, Ki-Adi-Mundi appartiene alla specie Cerean e, fino ad ora, non avevamo idea che la sua specie potesse vivere così a lungo. Considerando che fa parte del Consiglio Jedi nei prequel e che morirà solo dopo l’esecuzione dell’Ordine 66 ne La vendetta dei Sith, Ki-Adi-Mundi è uno dei personaggi più longevi di Star Wars.

3 the acolyte sol-vernestra-rwoh-rebecca-henderson

Il piano del Maestro Rwoh per tenere all’oscuro l’Alto Consiglio Jedi

La Maestra Vernestra Rwoh (interpretata da Rebecca Henderson, che si dà il caso sia sposata con la showrunner Leslye Headland, il che rende la sua apparizione un simpatico Easter egg) ordina ai Jedi sotto il suo comando di mantenere il segreto sulla questione di Mae. Se dovessero includere l’Alto Consiglio Jedi nella loro operazione, sarebbero obbligati a informare il Senato, il che, considerando che due Jedi sono già stati uccisi e che la caccia ad altri continua, potrebbe scatenare il panico di massa. A parte il fatto che si tratta di una mossa sorprendente per un Maestro Jedi che finora è sembrato devoto alla tradizione, ecco cosa rende la cosa interessante: con Ki-Adi-Mundi presente per questa istruzione, potrebbe cambiare completamente la sua storia nei prequel.

I Sith sono estinti da un millennio“, dice Ki-Adi-Mundi al Consiglio. Il Maestro Mace Windu (Samuel L. Jackson) fa eco a questo concetto, aggiungendo: “Non credo che i Sith possano essere tornati senza che noi lo sappiamo”. Quindi, questo potrebbe significare una delle tre cose. Uno, potrebbe essere un indizio che indica che il misterioso maestro di Mae non è, in realtà, un Sith. Due: se è un Signore dei Sith, Ki-Adi-Mundi potrebbe ancora, un secolo dopo, cercare di nascondere l’esistenza dei Sith all’Alto Consiglio. Tre, questo potrebbe essere un buco di trama trascurato, rendendo frustrante la rottura del canone. Il tempo ce lo dirà.

2

Un Kel Dor Jedi della specie del Maestro Plo Koon

Si tratta di un momento da non perdere, ma vale la pena di notarlo, soprattutto dopo il cameo confermato di Ki-Adi-Mundi. Uno dei Jedi che partecipano all’inseguimento di Mae è della specie Kel Dor, a cui appartiene il Maestro Jedi Plo Koon. Ma è proprio Plo Koon? È uno dei preferiti di molti fan, ma, mi dispiace, non è lui. L’account ufficiale di Star Wars su X (ex Twitter) ha confermato nella tarda serata di martedì che il Kel Dor in The Acolyte si chiama Ithia Paan.

1 The Acolyte

Gli elmetti dei Sith hanno un’estetica simile

Sappiamo ancora poco del misterioso maestro di Mae. Sappiamo che è intelligente e pieno di risorse, avendo rintracciato Kelnacca senza una guida. Sappiamo che è immensamente potente, in grado di levitare minacciosamente e di spingere con la Forza un intero gruppo di Maestri Jedi con facilità. Infine, sappiamo che opera in modo simile a un maestro/apprendista, come i Sith, ma è un Signore dei Sith?

La serie potrebbe rivelare presto la risposta, ma uno sguardo ravvicinato al personaggio offerto nell’ultimo episodio aggiunge un altro indizio. Il suo elmo nero, caratterizzato da dettagli sulla parte anteriore che ricordano un sorriso sinistro, ha una notevole somiglianza con quello di importanti Signori dei Sith. La parte posteriore dell’elmo, che scende verso il collo prima di allargarsi, si ispira agli elmi di Darth Vader e Kylo Ren.

Iscriviti a Disney+ per guardare The Acolyte e le più belle storie di Star Wars. Dove vuoi, quando vuoi.