PathosLa Terra vive un futuro catastrofico, in cui l’uomo ha creato un sistema automatico per migliorare l’esistenza, ma che al contrario è una macchina in grado di controllare gli uomini, i loro sogni e il loro corpo. Dopo avere ricevuto numerosi riconoscimenti a festival internazionali e nazionali, il cortometraggio di fantascienza PATHOS viene reso disponibile gratuitamente e in versione integrale in HD.

 

[iframe src=”//player.vimeo.com/video/86713394″ width=”620″ height=”360″ frameborder=”0″ webkitallowfullscreen mozallowfullscreen allowfullscreen][/iframe]

 Il film dura 17 minuti ed è stato completamente ideato e realizzato dai genovesi Dennis Cabella e Marcello Ercole, fondatori di Illusion, e Fabio Prati, illustratore professionista. Tra i riconoscimenti ricevuti: il Premio Silver Melies al Leeds Film Festival, il Premio Speciale della Giuria al Festival Arcipelago e le selezioni ufficiali del David di Donatello e dei corti del Marché durante il Festival di Cannes.

PATHOS nasce nel 2009 da un’idea di Dennis Cabella, Marcello Ercole e Fabio Prati. Il cortometraggio racconta il futuro distopico di un’umanità che ha abdicato la propria esistenza al potere del denaro. Dopo avere reso inabitabile la Terra, l’umanità ha costruito Pathos, una copia digitale a pagamento dell’esistenza. Il sistema di Pathos è costituito da stanze metalliche in cui gli uomini vengono allevati e controllati; è in grado di creare, elaborare e sottrarre non solo le emozioni e i sogni, ma anche i 5 sensi: la vista, l’udito, il tatto, il gusto e l’olfatto. Nato come sistema di sopravvivenza per gli uomini, Pathos avrebbe dovuto permettere la gestione della vita degli individui in uno spazio limitato, fornendo stimoli virtuali e offrendo la possibilità di vivere “liberamente” all’interno di un mondo alternativo e pulito. Ma l’automantenimento del sistema entra presto in conflitto con la vita dell’uomo.

Pathos ha impegnato gli autori in quasi 5 anni di produzione. E’ un’opera originale che combina elaborati effetti visivi a una particolare accuratezza degli ambienti, ottenuti sfruttando la tecnica del bluescreen. Negli anni Pathos ha ricevuto numerosi riconoscimenti in festival internazionali e nazionali, tra cui: il Premio Silver Melies al Leeds Film Festival (nel Regno Unito), il Premio come Best Shortfilm a Fancine (in Spagna), il Premio Speciale della Giuria al Festival Arcipelago (in Italia), le selezioni ufficiali al David di Donatello e ai corti del Marché durante il Festival di Cannes, e agli americani Image Science Festival  e Fantastic Fest.