Shōgun – stagione 2: i creatori dicono che la creazione è un “caos creativo”

-

A volte viene realizzata una serie la cui reazione da parte del pubblico i creatori non avrebbero mai potuto prevedere. Shōgun doveva inizialmente essere una serie limitata, ma dopo le entusiastiche recensioni del pubblico, FX ha deciso di espandere la narrazione e ha ordinato altre due stagioni.

Lo show è un forte candidato agli Emmy di quest’anno. Durante la promozione dell’evento FX FYC, The Hollywood Reporter ha incontrato i co-creatori Justin Marks, Rachel Kondo, il produttore esecutivo e la star Hiroyuki Sanada che hanno parlato di Shōgun – stagione 2.

Marks ha rivelato che la seconda stagione si addentrerà maggiormente nella storia e nei personaggi e sarà di conseguenza più cupa delle stagioni precedenti. La storia è strutturata come una narrazione in due stagioni e il vantaggio della terza stagione è che sanno che è la fine. La sfida è rappresentata dalla Stagione 2, di cui Marks ha parlato come tema,

Ci sono molte grandi teorie cospirative nella storia, molte teorie diverse sul fatto che ‘Oh, è stato detto che questo è successo, ma questo è successo davvero’, e questi piccoli angoli più oscuri sono ciò che ci è piaciuto molto esplorare. La terza stagione è davvero un finale. Sappiamo dove inizia e dove finisce, e sappiamo chi c’è in quel viaggio. Al momento ci stiamo concentrando sulla seconda parte per essere sicuri di arrivare a quel punto. Ma la seconda parte è, come i secondi capitoli, una sorta di capitolo più oscuro”.

Shōgun prende una direzione diversa

Shōgun costumi
Credit FX/Disney

I creativi hanno parlato delle prossime stagioni e di ciò che i fan possono aspettarsi quando la narrazione si espanderà oltre il libro di James Clavell. Kondo e Marks hanno rivelato che attualmente si trovano nelle prime fasi di pianificazione senza materiale di partenza. Kondo ha parlato di brainstorming di idee, dicendo,

No, c’è un sacco di caos, ma un caos creativo, in cui stiamo lanciando tutto quello che abbiamo contro il muro, per vedere cosa si attacca. È stato eccitante e snervante perché, ovviamente, questo è un territorio inesplorato: non abbiamo una tabella di marcia, abbiamo solo la storia“.

La coppia di coniugi si è recata di recente in Giappone per cercare di ricreare la mente di Clavell e scoprire come ha messo insieme idee e personaggi diversi. Stanno lavorando a stretto contatto con la proprietà di Clavell per capire “come curava, quali eventi, quali personaggi, quali personaggi si possono combinare in modo conveniente, questo tipo di cose che ti permettono di creare qualcosa di nuovo“, ha detto Kondo.

Sanada tornerà per la seconda stagione di Shōgun come protagonista e produttore esecutivo. Ha dichiarato che “mantenere la qualità è la cosa più importante per me” quando parla delle stagioni successive. “Non abbiamo più il romanzo di James Clavell, ma abbiamo imparato il suo spirito e il gusto della narrazione. Credo che tutto il suo DNA sia nei nostri corpi“, ha detto.

Redazione
Redazione
La redazione di Cinefilos.it è formata da un gruppo variegato di appassionati di cinema. Tra studenti, critici, giornalisti e aspiranti scrittori, il nostro gruppo cresce ogni giorno, per offrire ai lettori novità, curiosità e informazione sul mondo della settima arte.

Articoli correlati

- Pubblicità -
 

ALTRE STORIE

Minecraft: alcune immagini rivelano un primo sguardo a Jack Black

C'è molta curiosità intorno al prossimo film di Minecraft della Warner Bros. e ora è trapelata online una prima immagine grazie a un documento...
- Pubblicità -