Il Grande Gioco recensione serie tv
Credit Foto: Federica Di Benedetto
- Pubblicità -

A 14 anni da Romanzo Criminale, Francesco Montanari torna sul piccolo schermo per Sky con Il Grande Gioco. Un drama che ricorda le grandi serie internazionali come Succession che nasce da un’idea di Alessandro Roja. Con la produzione di Luca Barbareschi e la regia di Fabio Resinaro e Nico Marzano, la nuova serie Sky Original arriverà il 18 novembre con un doppio appuntamento settimanale. Ogni venerdì sera per quattro settimane consecutive – e un totale di otto episodi – Il Grande Gioco ci porta dietro le quinte del calciomercato italiano. Gli episodi saranno disponibili su NOW con una novità che interessa soprattutto i non abbonati a Sky o NOW: il primo episodio sarà pubblicato anche sul canale YouTube di Sky.

 
 

Il Grande Gioco, la trama

Screditato da false accuse, Corso Manni (Francesco Montanari) è passato dall’essere il golden boy dei procuratori della ISG, la più grande società di procuratori in Italia, ad essere emarginato dal mondo calcistico. Con l’aiuto del giovane procuratore Marco Assari (Lorenzo Aloi), Corso ricostruisce la sua carriera contendendosi la procura del campione Quintana (Jesús Mosquera Bernal e del promettente Antonio Lagioia (Giovanni Crozza Signoris) con Dino (Giancarlo Giannini) ed Elena De Gregorio (Elena Radonicich), rispettivamente CEO della ISG e sua ex moglie. Un inaspettato gioco di alleanze e tradimenti prende forma con l’ingresso di Sasha Kirillov (Vladimir Aleksić), un navigato procuratore della russa Plustar, determinato a conquistare non solo il mercato calcistico italiano, ma anche dei preziosissimi terreni intestati alla ISG.

Nella location di un rinnovato Teatro Eliseo è avvenuta la prima stampa de Il Grande Gioco. Una storia davvero ampia in cui è complicato stabilire chi è la vera vittima e chi il carnefice. L’intrigo che ti porta dentro il “grande gioco” è intessuto di bugie, stratagemmi e anche un po’ di fortuna. I nostri protagonisti giocano con la fortuna e si sfidano tra loro credendosi dei veri e propri dei. Dall’altro dei loro grattaceli guardano il mondo sottostante, le loro pedine, con sufficienza. Questo movimento verticale viene rappresentato molto bene dalle cineprese dei due registi che rappresentano una Milano sempre più sviluppata che si erige anche a “capitale” del calciomercato.

Il Grande Gioco recensione serie tv
Credit Foto: Federica Di Benedetto

Oltre alla intricata trama familiare che avvolge la vicenda della famiglia De Gregorio, la storia racconta i retroscena del calciomercato italiano. La serie riprende la frenesia  all’interno dell’Hotel Sheraton di Milano che accoglie i più importanti gruppi di procuratori a livello mondiale. Il nostro Corso Manni è proprio un ex procuratore la cui vita è stata messa in subbuglio per un evento legato al calcio scommesse.

Volti e Maschere

Nonostante le vicende che legano i protagonisti siano inerenti al mondo del calcio, in realtà è solo lo sfondo di questo intricato dramma. Ricorda un po’ Succession: il padre despota della famiglia De Gregorio, interpretato da Giannini, nonostante una incombente malattia non vuole lasciare il posto ai figli. Il figlio maschio di Dino De Gregorio, Federico, è un grande amico di Corso e anche la vittima sacrificale di questo Grande Gioco. Federico è il figlio minore di Dino è poco interessato al ruolo di CEO ma porta avanti il suo sogno di aprire un’Academy per giovani talenti. Il peso dei sotterfugi del padre porterà purtroppo Federico ad autodistruggersi, allontanato dalle persone a lui più care proprio mentre lanciava silenziosamente un grido disperato di aiuto.

Se Federico è lontano alle dinamiche della ISG, Elena De Gregorio, figlia maggiore di Dino sembra puntare in alto. Il ruolo della Radonicich, in questi primi due episodi, è conflittuale. Una Lady Macbeth che cerca di ritagliarsi il suo spazio in un ambiente prettamente maschile. Possiamo vederne il volto dalle mille sfaccettature come se indossasse per ogni circostanza una maschera diversa. La sua interpretazione è anche lo specchio di quello che sta avvenendo attualmente nel panorama calcistico italiano con i primi procuratori donna. In realtà, nonostante il tema e un cast composto dal 99% di uomini, il personaggio di Elena Radonicich è quello più intricato.

Il Grande Gioco Francesco Montanari
Credit Foto: Federica Di Benedetto

Corso Manni, invece, con la maschera da procuratore ha imparato a convivere e lo spiega al suo nuovo protetto, interpretato da Lorenzo Aloi. Marco Assai è un promettete procuratore ma è ancora un novellino del mestiere, ancora troppo buono, troppo acerbo. Corso gli sarà mentore e amico, indiziandolo alle fasi più brutali di questo mestiere. Sul finale del secondo episodio, Marco capisce che non bisogna solo avere una conoscenza accademica del calcio ma per scovare e far accettare i contratti alle future promesse del calcio bisogna essere sregolati.

Chi tiene le redini del grande gioco?

Nei primi due episodi presentati alla stampa si dà solo un accenno a quello che sarà Il Grando Gioco. Se il titolo può far pensare al grande gioco del calcio è qui che la serie vuole trarci in inganno. Come abbiamo sottolineato anche il calcio – con i suoi bravissimi protagonisti come Jesús Mosquera Bernal e Giovanni Crozza Signoris – è una pedina in mano ai procuratori. La trama così intricata eppure così forte e ben argomentata ci porta a domandarci: chi tiene le redini del grande gioco? Veniamo a conoscenza di varie parti del passato di Corso e scopriamo che è stato tradito dall’interno della ISG. Ci sono vari indiziati che possono aver lasciato il procuratore Manni appeso al filo.

Uno di questi è il padre di Corso che è sicuramente invischiato nella vicenda. Ma non è il mandante, non è lui che muove i fili. La serie, che fino a questo momento si era presentata allo spettatore come un family drama, cambia faccia e accoglie il mistero, quasi thriller. Tra i nomi papabili che possono aver screditato Corso c’è Elena De Gregorio – sua ex moglie – che è il personaggio a cui è affidata tutta l’enigmaticità della serie. Elena agisce per uno scopo ben preciso e questo allo spettatore non è dato saperlo. Ha un tacito accordo con sé stessa e muove i fili dall’interno senza che nessuno sappia mai bene quale sarà la sua prossima mossa. Anche Francesco De Gregorio potrebbe aver tradito il suo amico Corso e questo spiegherebbe il suo messaggio lasciato in segreteria dove per la prima volta ammette le sue colpe e chiede scusa.

Un altro personaggio che avrà un ruolo chiave nelle strategie future è il procuratore russo Sasha Kirillov, interpretato da Vladimir Aleksic. Nonostante abbia mostrato una certa abilità nel destreggiarsi in un ambiente – quello del calcio italiano – lontano da lui, Kirillov è senza scrupoli. Un punto ancora poco approfondito nei primi due episodi ed in parte solo accennato è il suo interessamento ai preziosi terreni destinati all’Academy per soddisfare delle richieste di altri soci della sua Plustar. L’Academy era un progetto fortemente voluto da Federico De Gregorio con l’aiuto di Corso Manni che in seguito alla vicenda del calcioscommesse ha subito una battuta d’arresto.

La serie porterà uno sguardo inedito sul mondo del calcio nazionale e internazionale ma mette in luce la forza e la debolezza degli esseri umani. In un mondo così spietato e che corre veloce come quello del calciomercato non si può vacillare. E i nostri protagonisti sono così forti e risoluti sulle loro convinzioni che sarà davvero una lotta spietata per venire a capo di questo intrigo. Per fortuna abbiamo ancora quattro settimane e otto episodi per scoprire chi tiene le redini de Il Grande Gioco.

- Pubblicità -
RASSEGNA PANORAMICA
Lidia Maltese
Articolo precedenteIl grande gioco, anticipazioni dall’episodio 5 e 6
Articolo successivoThe Crown 5: recensione della serie Netflix
Laureata in Scienze della Comunicazione alla Sapienza, classe 95. La mia vita è una puntata di una serie tv comedy-drama che va in onda da 27 anni. Ho lo stesso ottimismo di Tony Soprano con l'umorismo di Dexter, però ho anche dei difetti.
il-grande-gioco-francesco-montanari-giancarlo-gianniniIl Grande Gioco è una serie dalle mille sfaccettature. Un nuovo territorio narrativo mai esplorato che allo stesso tempo unisce l'intricata storia familiare, la lotta al potere con lo sfondo di un mondo frenetico come quello del calciomercato. I personaggi rispecchiano molto bene questo cambio continuo di genere perché sono spietati e multidimensionali. Non esiste giusto e sbagliato e non esistono eroi o cattivi ma solo maschere che dovranno fare i conti con la scelta delle loro azioni.