Romanzo criminale film

Uscito in sala nel 2005, il film Romanzo criminale è stato uno dei primi fortunati casi di opere ispirate a reali vicende criminali. Da quel momento è infatti un filone che ha poi avuto grande seguito negli anni, tanto al cinema quanto in televisione. Diretto da Michele Placido, il film si concentra infatti sulle vicende della celebre Banda della Magliana, considerata la più potente organizzazione criminale che abbia mai operato a Roma tra gli anni Settanta e i primi dei Novanta. La storia poi riportata su pellicola viene però tratta dal romanzo omonimo di Giancarlo De Cataldo, pubblicato nel 2002.

Il libro, che descrive gli intricati traffici che intercorrevano tra stato e criminalità, ripercorre la storia di un decennio d’Italia cercando di offrire una panoramica completa sulla celebre banda. Dato il suo successo, i diritti per una trasposizione vennero acquistati nel giro di breve, e altrettanto rapidamente iniziò la produzione del film, con un cast di interpreti comprendente alcuni tra i nomi più celebri del momento. A lavori ultimati, il titolo aveva raggiunto la durata complessiva di 174 minuti, ridotti poi a 153 per la versione cinematografica.

Il successo fu straordinario. Oltre a rivelarsi uno dei maggiori incassi al botteghino del periodo, Romanzo criminale raccolse ampi consensi di critica, ed ottenne alcuni tra i maggiori riconoscimenti dell’industria. Il titolo si aggiudicò infatti ben otto David di Donatello e cinque Nastri d’argento. La sua popolarità divenne tanto vasta che solo pochi anni dopo, nel 2008, si diede vita ad una serie televisiva ispirata al film. Di grande successo anch’essa, contribuì alla fama del film, oggi divenuto un vero e proprio cult della cinematografia italiana dall’inizio del nuovo millennio ad oggi.

Romanzo criminale: la trama del film

La storia del film ha inizio nella fine degli anni Sessanta, quando quattro ragazzini rubano un’auto e nella fuga investono un agente. Grazie a tale colpo, scoprono il brivido suscitato dal crimine, e decidono di volerlo provare ancora. Iniziano così a stabilire i loro nomi, che sono il Libanese, il Dandi, il Freddo e il Grana. Diventati adulti, i quattro hanno già assaggiato il sapore della rovina e ne conoscono i rischi, ma decidono ugualmente di perpetrare il loro desiderio di potere dando vita ad una vera e propria banda. In poco tempo, il gruppo, a cui nel frattempo si sono aggiunti altri membri, reisce ad ottenere il controllo assoluto del traffico di droga a Roma.

Ridenominati Banda della Magliana dalla stampa, per via del loro quartiere di residenza, il gruppo in breve espande il proprio dominio anche ad altri campi, come quello della prostituzione e del gioco d’azzardo. Raggiunto un enorme potere, la banda inizia però a mostrare anche i primi segni di frattura. Libano diventa sempre più ambizioso, Freddo medita di abbandonare il giro, e una serie di altri contrasti interni inizia a minare il rapporto ta i membri. Questi si renderanno così conto di quanto possa essere pericoloso raggiungere i massimi livelli di un sistema complesso come quello della criminalità, e di quanto possa essere difficile rimanerne a capo.

Romanzo criminale: il cast e i personaggi del film

Come detto in apertura, il film vanta nel cast alcuni dei maggiori interpreti del cinema italiano. Questi ricoprono ruoli di personaggi non realmente esistiti, ma comunque ispirati ai veri criminali della storia. Il primo e più importante è Il Freddo, uno dei leader della banda, interpretato nel film da Kim Rossi Stuart. Accanto a lui, tra i principali protagonisti, si ritrovano Pierfrancesco Favino nei panni di Il Libanese e Claudio Santamaria in quelli di Il Dandi. Per poter interpretare tali ruoli, i tre attori hanno condotto diverse ricerche sul periodo storico e sui membri della vera Banda della Magliana. Favino, in particolare, venne particolarmente apprezzato per la sua performance, vincendo poi il David di Donatello come miglior attore non protagonista.

Oltre a loro, nel film si ritrovano anche Stefano Accorsi, nei panni del commissario Nicola Scialoja, Riccardo Scamarcio in quelli de Il Nero, e Jasmine Trinca nelle vesti di Roberta, la donna di cui Il Freddo si innamora perdutamente. Un giovane Elio Germano è invece Il Sorcio, criminale entrato solo in seguito a far parte della Banda. Come lui anche Il Secco, a cui dà volto l’attore Stefano Fresi. Infine, tra gli altri interpreti principali si ritrovano Anna Mouglalis nei panni di Cinzia Vallesi, Antonello Fassari in quelli di Ciro Buffoni, e Francesco Venditti in quelli di Bufalo. Massimo Popolizio dà volto a Il Terribile, mentre è presente un cameo di Placido nel ruolo del padre del Freddo.

Romanzo criminale cast

Romanzo criminale: le differenze con la storia vera

Per quanto il film aspiri a raccontare in modo più fedele possibile la vera storia della Banda della Magliana e della sua scalata al potere, diverse sono le differenze presenti con la realtà dei fatti. Per motivi di resa cinematografica, infatti, si è scelto di optare per alcune variazioni, più o meno significative, che hanno portato così ad una serie di “tradimenti” nei confronti di quello che è stato il vero corso degli eventi. La prima di queste differenze è che nella realtà non tutti i membri della banda si conoscevano sin da giovani. Contrariamente a quanto mostrato nel film, infatti, Il Freddo subentrò soltanto in seguito nel gruppo formato dal Libanese e dal Dandi. Diversa è poi la sorte di alcuni dei personaggi rispetto a quanto mostrato nel film, in particolare per quanto riguarda Il Terribile.

Nel film, inoltre non vi è nessun riferimento al bar dove i boss erano soliti riunirsi per pianificare i colpi e gli omicidi. Si dà qui maggior risalto al locale Full 80, e l’acquisto del celebre night club sarebbe dunque da porsi in un periodo successivo rispetto a quello narrato nella prima parte del film. Diverse semplificazioni furono poi fatte riguardo al giro d’affari della Banda, come anche riguardo al loro declino. A proposito di questo, è bene notare che il vero criminale a cui il personaggio de Il Freddo si ispira non è stato ucciso, ma è divenuto un collaboratore di giustizia ed è tutt’ora in vita. L’uccisione del Dandi, invece, avviene nel film per bano del Bufalo. Nella realtà, invece, quest’ultimo incaricò un killer.

Romanzo criminale: la serie, e dove vedere il film in streaming e in TV

Con un totale di 22 episodi su 2 stagioni, Romanzo criminale – La serie andò in onda dal 2008 al 2010, ottenendo ampi consensi di critica e pubblico. Viene indicata come una delle prime grandi serie italiane, sulla quale si sarebbero poi basati anche grandi successi come Gomorra e Suburra. I personaggi mantengono qui gli stessi nomi, ma hanno naturalmente volti diversi rispetto a quelli del film. Francesco Montanari interpreta Il Libanese, Vinicio Marchioni Il Freddo e Alessandro Roja Il Dandi. Vi è poi Andrea Sartoretti nei panni di Bufalo, Marco Giallini in quelli di Il Terribile ed Edoardo Leo che dà vita a Nembo Kid. Alessandra Mastronardi interpreta invece la parte di Roberta.

Per gli appassionati del film, o per chi desidera vederlo per la prima volta, sarà possibile fruirne grazie alla sua presenza nel catalogo di alcune delle principali piattaforme streaming oggi disponibili. Romanzo criminale è infatti presente su Rakuten TV, Chili Cinema, Google Play, Apple iTunes, Netflix e Amazon Prime Video. In base alla piattaforma scelta, sarà possibile noleggiare il singolo film o sottoscrivere un abbonamento generale al catalogo. In questo modo sarà poi possibile fruire del titolo in tutta comodità e al meglio della qualità video. Il film verrà inoltre trasmesso in televisione mercoledì 30 settembre alle ore 21:10 sul canale Cine34 del digitale terrestre.

Fonte: IMDb