HomeSerie TvRecensioniThe Terminal List: recensione della serie con Chris Pratt

The Terminal List: recensione della serie con Chris Pratt

-

Dopo la serie dedicata al Jack Reacher nato dalla penna di prime video, Amazon Prime alza il tiro proponendo agli abbonati della piattaforma streaming The Terminal List, un prodotto che vede protagonista un personaggio che può attrarre lo stesso tipo di pubblico. Il James Reece protagonista della serie è infatti un Navy Seals il quale, dopo aver visto il proprio plotone di soldati sterminato in un’imboscata in Siria, torna in patria per scoprire che il massacro non è forse opera di un nemico lontano quanto forse la macchinazione di forze che cospirano nello stesso territorio statunitense. la ricerca della verità e la sete di vendetta porteranno Reece a mettere in gioco molto più della sua stessa incolumità…

The Terminal List, cast e crew di livello cinematografico

Ispirato dal romanzo omonimo scritto dall’ex-soldato Jack Carr, The Terminal List propone un cast tecnico e artistico degno di una produzione cinematografica: protagonista assoluto dello show è la star Chris Pratt, che torna a collaborare con Amazon dopo il successo di The Tomorrow War. Accanto a lui tra gli altri Constance Wu e Taylor Kitsch, mentre alla regia del pilot troviamo niente meno che Antoine Fuqua, il quale ha già diretto Pratt nel rifacimento de I magnifici sette.

Nonostante un pedigree di tale livello la serie non riesce a garantire il livello di tensione e spettacolo che tali premesse avevano lasciato sperare. E questo perché fin dall’inizio appare evidente come il tentativo di coniugare il realismo della presentazione degli eventi e la necessità di intrattenimento non riescano a trovare una comunione efficace.

The Terminal List Taylor Kitsch

Lo sforzo verso il realismo non è premiato

Il primo episodio di The Terminal List, in particolar modo nella prima sequenza di battaglia, possiede un’attenzione ai particolari, una rappresentazione delle tattiche di combattimento e della battaglia stessa che si presentano come diverse rispetto al solito spettacolo. La ricerca di  soluzioni di messa in scena e montaggio che avvicinano il prodotto a un’idea di realismo compie stranamente l’effetto opposto, ovvero quello di appiattire la tensione drammatica degli eventi.

Anche il resto della trama che si sviluppa a partire dalla missione fallita di Reece e dei suoi uomini non fornisce spunti veramente originali, il che non sarebbe poi necessariamente un requisito fondamentale se l’episodio fosse riuscito a creare la necessaria tensione narrativa e adesione emotiva nei confronti dei personaggi presentati. Il che purtroppo non accade, facendo della prima  – e seconda – puntata di The Terminal List un accumulo di momenti duri ma mai veramente drammatici.

Chris Pratt non è l’eroe di cui abbiamo bisogno

Leggermente meglio sotto questo punto di vista ottengono le puntate successive, le quali non riescono comunque ad innalzare il livello del prodotto al punto da renderlo stimolante da vedere. E questo molto probabilmente succede anche per gli evidenti errori di casting: Chris Pratt in versione totalmente seria non ha lo stesso effetto di quando lavora anche sul lato ironico dei suoi personaggi. Mancando tale bidimensionalità a James Reece, si palesano anche i limiti dell’attore che lo interpreta, capace di dotare il personaggio di presenza scenica ma non di reale profondità emozionale o psicologica.

La sorpresa però maggiormente negativa dello show è una Constance Wu totalmente fuori dal ruolo della reporter che spalleggia Reece. Il che appare davvero peculiare, in quanto l’attrice affermatasi in ruoli leggeri aveva in precedenza dimostrato spessore drammatico e presenza scenica in Hustlers. C’è da specificare una parte scritta in maniera scontata di certo non l’aiuta ad esprimersi al meglio, tutt’altro. 

Un passo indietro per Prime Video

Rispetto alla serie “gemella” Reacher (che pure è ben lontana dall’essere un capolavoro…) The Terminal List rappresenta per Amazon a livello artistico un passo indietro, poiché tenta evidentemente di alzare il tiro mancando però il bersaglio. La ricerca forse fin troppo ostentata di un realismo di fondo in situazioni e tempi di racconto alla fine ha nuociuto alla necessità di intrattenimento, rendendo il prodotto un ibrido di difficile comprensione. A James Reece sono stati fino a oggi dedicati altri due libri da parte di Jack Carr, vedremo se Amazon continuerà nei loro adattamenti in nuove stagioni di The Terminal List. I margini di miglioramento sono ampi…

Sommario

Rispetto alla serie “gemella” Reacher (che pure è ben lontana dall’essere un capolavoro…) The Terminal List rappresenta per Amazon a livello artistico un passo indietro, poiché tenta evidentemente di alzare il tiro mancando però il bersaglio.

Articoli correlati

- Pubblicità -

ALTRE STORIE

- Pubblicità -
Rispetto alla serie “gemella” Reacher (che pure è ben lontana dall’essere un capolavoro…) The Terminal List rappresenta per Amazon a livello artistico un passo indietro, poiché tenta evidentemente di alzare il tiro mancando però il bersaglio.The Terminal List: recensione della serie con Chris Pratt