Enlightened – La nuova me, recensione della serie con Laura Dern

82
Enlightened - La nuova me recensione

Arriva su Sky Atlantic, in prima tv italiana, Enlightened – La nuova me, la serie tv del 2011 che, tra le altre firme, porta anche quella di Jonathan Demme e vede protagonista una splendida Laura Dern. Da mercoledì 12 maggio alle 21.15, disponibile anche on demand e su NOW, in streaming. 

La serie racconta di Amy Jellicoe, una donna di 40 anni in un momento molto particolare della sua vita. Un breve antefatto ce la mostra in preda ad una crisi di nervi: ha avuto una relazione con un suo collega, sposato, e quando questa è venuta alla luce, lei è stata spostata dal reparto vendite, suo campo di eccellenza, ad un altro settore dell’azienda (mentre il collega maschio è uscito indenne dallo “scandalo”). Inutile dire che questa esperienza la conduce fuori strada, Amy ha un esaurimento nervoso, e così si ritira in un centro per la riabilitazione, dal quale esce apparentemente positiva e propositiva per la sua prossima vita con la sua “nuova sé”. Tutto questo, raccontato nei primi minuti della prima puntata, ci offre un’affresco molto chiaro di quello che vedremo: la storia di una donna che tenta di ricostruirsi, recuperando ciò che ha perso, ma con il silenzioso dubbio che in effetti quello che aveva non era poi il meglio.

Enlightened – La nuova me con Laura Dern

Da questa premessa ci spostiamo all’oggi, con Amy che, sempre vestita di colori sgargianti, cerca di ammortizzare tutte le batoste che le vengono inferte in questa nuova fase della sua vita. La sua vecchia azienda le assegna un posto di grado e importanza inferiore rispetto a quello che aveva prima, nel frattempo ereditato dalla sua ex segretaria; torna a vivere con la madre, dal momento che non può più permettersi una casa; le sua amicizia sul lavoro si rivelano poco solide e cerca affannosamente nuovi stimoli per cercare di sopravvivere a se stessa.

A metà tra la farsa e la commedia, con incursioni nel dramma senza uscita, Enlightened – La nuova me è una serie dai toni difficilmente definibili, che si sforza di trovare il lato positivo di ogni esperienza ma ai quali sembra non credere fino in fondo neanche la protagonista. 

Chiaramente la serie è lo show di Laura Dern, che fa il bello e il cattivo tempo, dimostrandosi una professionista senza età, con un grande carisma e con una presenza scenica invidiabile. Con lei a completare il cast ci sono Luke Wilson nei panni di Levi, l’ex marito di Amy, Diane Ladd, che interpreta la mamma di Amy (e che nella vita reale è la mamma di Dern), Sarah Burns, Timm Sharp e Mike White, che interpreta il nuovo collega di Amy, timido e dolce, e che è anche l’ideatore della serie. 

Inaugurata nel 2011, Enlightened – La nuova me è stata chiusa nel 2013, dopo solo due stagioni, e mentre la prima è già in onda su Sky Atlantis, a partire dal 26 maggio sarà possibile vedere i primi quattro episodi della seconda stagione, mentre il 2 giugno i successivi e ultimi 4.