Con la morte di Hershel, era morta anche quella piccola speranza di rivivere quel mondo che i protagonisti credevano di aver trovato nella prigione: un mondo sereno, fatto di pace e tranquillità. Ma il mondo non è più così. E se si abbassa per un attimo la guardia si finisce ammazzati o peggio ancora mangiati. “Al mondo sopravvivono solo i più forti” dice Joe. E per farlo bisogna diventare necessariamente dei mostri. Bisogna mordere come gli zombi e uccidere senza pietà. È questo quello che fa Rick (Andrew Lincoln). Ed è questo quello che tutti dovranno fare per rimanere vivi. Perché in questo mondo non c’è spazio per i buoni. Perché se non si vuole rinunciare alla speranza è necessario aprire gli occhi e accettare chi siamo. Anche se questo significa trasformarsi in individui peggiori degli walkers.

L’ultimo episodio della quarta stagione di The Walking Dead ha al centro della vicenda il gruppo formato da Rick, Carl (Chandler Riggs) e Michonne (Danai Gurira). La svolta per Rick arriva quando viene trovato da Joe e dai suoi uomini, intenzionati a vendicare l’amico morto, e che l’ex sceriffo risolve azzannandolo alla giugulare. I tre quindi, con l’aggiunta di Daryl (Norman Reedus) che si è ricongiunto al gruppo, arrivano al Terminal. Ma anche qui le cose si mettono subito per il peggio. Rick si accorge che uno degli abitanti del posto ha l’orologio di Hershel e decide così di dare inizio alla battaglia. Uno scontro che però finisce subito e che lo costringe, insieme agli altri, ad essere rinchiuso in un container dove ritrova tutti i superstiti della prigione. Una comunità troppo prudente? O forse un covo di cannibali? In ogni caso qualcuno che ha deciso di fregare le persone sbagliate.

The Walking Dead 4X16 (5)Notevole episodio questo A, che chiude una stagione vissuta tra alti e bassi. Dopo il virus e dopo la carneficina del Governatore, che chiudeva la prima parte di stagione (ma che ha soltanto rinviato di sei puntate il finale della terza), la serie ha seguito una struttura “alla Lost” che ci ha permesso di scoprire il passato dei protagonisti introducendo nel contempo nuovi personaggi e nuove situazioni. Ottima regia della “veterana” Michelle MacLaren (regista di diversi episodi di questa serie, ma anche di Breaking Bad e il Trono di Spade) che punta l’accento sulla natura umana (la fame, la solitudine) ma che rinvia la parte più appetitosa della vicenda direttamente alla prossima stagione. Una stagione, la quinta, che vedrà il ritorno dello showrunner Scott Gimple, ed è la prima volta che succede (Darabont e Mazzara erano durati una sola stagione). Tutte le volte infatti la serie aveva dovuto in qualche modo adattarsi alla “visione” dello showrunner precedente per poi mano a mano abbracciare quella successiva. È per questo che, spesso la serie è stata imperfetta, irregolare. Ma con la conferma di Gimple si aprono nuovi scenari per una serie che non solo ha dimostrato negli anni di saper imparare dai propri errori ma ha anche creato un universo narrativo che dopo 4 stagioni riesce ancora a mantenere alto il proprio fascino.

The Walking Dead 4

The Walking Dead 4 è la quarta stagione della serie tv The walking Dead ideata dal regista Frank Darabont e basata sull’omonima serie a fumetti scritta da Robert Kirkman e trasmessa dal canale americano AMC.

In The Walking Dead 4 protagonisti sono Rick Grimes interpretato da Andrew Lincoln, Lori Grimes interpretata da Sarah Wayne Callies, Andrea interpretata da Laurie Holden, Glenn Rhee interpretato da Steven Yeun, Carl Grimes interpretato da Chandler Riggs, Daryl Dixon interpretato da Norman Reedus, Carol Peletier interpretata da Melissa McBride, Merle Dixon interpretato da Michael Rooker, Morgan Jones interpretato da Lennie James, Hershel Greene interpretato da Scott Wilson, Maggie Greene interpretata da Lauren Cohan, Beth Greene interpretata da Emily Kinney, Michonne interpretata da Danai Gurira e Philip Blake/Il Governatore interpretato da David Morrissey.

Nei ruoli ricorrenti troviamo Judith Grimes interpretata da Cailey Fleming, Tyreese Williams interpretato da Chad Coleman, Sasha Williams interpretata da Sonequa Martin-Green.

La serie racconta di Rick Grimes è un vice-sceriffo della Georgia che viene ferito in servizio durante uno scontro a fuoco. Al suo risveglio in ospedale si rende tuttavia conto che il virus che sembrava essere stato messo sotto controllo poco prima del suo incidente ha preso piede risvegliando i morti, che si tramutano in degli zombie che attaccano i vivi. Riuscito ad uscire dalla città e riunitosi alla sua famiglia e ad altri superstiti, Rick guiderà il suo gruppo alla ricerca di un luogo sicuro scoprendo presto che la minaccia maggiore non sono le diaboliche creature ma gli esseri umani rimasti, guidati unicamente dall’istinto di sopravvivenza.