È possibile dimenticare un luogo in cui non si è mai stati? Questa la domanda posta da Oblivion, l’attesa pellicola fantascientifica diretta da Joseph Kosinski in arrivo sui nostri schermi.

 

Scenari infiniti di un pianeta devastato, vorticosi viaggi nei cieli, memorie inspiegabili di un passato con cui confrontarsi, lottando per se stesso e per l’umanità. Gli ingredienti della pellicola post-apocalittica ci sono tutti: azione, fantascienza, avventura, effetti speciali mozzafiato. E un’immancabile storia d’amore. Ma l’operazione in atto è piuttosto intrigante poiché, come riporta la tagline del film, “La Terra è un ricordo per cui vale la pena combattere”.

Jack è uno degli ultimi riparatori di droni operanti sulla Terra devastata dalla guerra contro una razza aliena. Parte di una massiccia operazione per estrarre risorse vitali dopo decenni di guerra contro una terrificante minaccia conosciuta come Scavs, la missione di Jack è quasi terminata. Vivendo e perlustrando gli straordinari cieli da migliaia di metri d’altezza, la sua esistenza crolla quando salva una bella straniera da uno spacecraft precipitato. Il suo arrivo innesca una serie di eventi che lo costringono a mettere in questione tutto ciò che conosceva e mettono nelle sue mani il destino dell’umanità.

In cabina di regia siede Joseph Kosinski, già apprezzato regista del fantascientifico TRON: Legacy. È lo stesso Kosinski ad aver sviluppato la storia originale del film, collaborando poi alla sceneggiatura insieme a William Monahan, Michael Arndt (Oscar per Little Miss Sunshine) e Karl Gajdusek.

In Oblivion, Kosinski torna inoltre a collaborare con Claudio Miranda, il direttore della fotografia di TRON: Legacy, nonché fresco premio Oscar per il suo lavoro in Vita di Pi.

A guidare il cast del film, girato nel 2012 in risoluzione digitale 4K tra Stati Uniti e Islanda, troviamo il divo action per eccellenza, Tom Cruise, perfettamente a suo agio in ruoli d’avventura che mettono alla prova il suo senso del pericolo. Da un lato, Cruise si trova a fronteggiare un mostro sacro come Morgan Freeman, dall’altro è affiancato dal premio Oscar Melissa Leo (The Fighter) e da due stelle emergenti: si tratta di Andrea Riseborough, che ricordiamo nei panni di Wallis Simpson nel sottovalutato W.E. – Edward e Wallis, e Olga Kurylenko, protagonista dell’atteso To the Wonder di Terrence Malick. Quest’ultima sostituisce Jessica Chastain, che ha dovuto rinunciare a Oblivion per difficoltà di conciliazione della sua agenda ricchissima di impegni cinematografici.

Oltre al maestoso apparato visivo, a destare un particolare interesse per la pellicola è indubbiamente la colonna sonora curata da Anthony Gonzales degli M83, il gruppo elettronico che riscuote sempre più successo nell’ambiente cinematografico – impossibile, ad esempio, scindere Cloud Atlas da “Outro” che accompagnava il trailer del film. Il regista di Oblivion commenta il lavoro musicale in questi termini:

Anthony crea una musica che è aspirazionale, emotiva e unicamente sua. Ho collaborato con Joe Trapanese per il mio primo film, un altro talento fenomenale. Insieme hanno creato ciò che ho sognato da quando ho messo questa storia su carta otto anni fa”.

Costato ben 140 milioni di dollari, Oblivion sarà distribuito da Universal Pictures dall’11 aprile.

Tom Cruise è il protagonista di Oblivion, un evento cinematografico originale e rivoluzionario dal regista di TRON: Legacy Joseph Kosinski e dal produttore de L’Alba del Pianeta delle scimmie. Nel cast anche Morgan Freeman, Nikolaj Coster-Waldau, Olga Kurylenko, Zoe Bell, Melissa Leo, Andrea Riseborough

In un spettacolare pianeta Terra del futuro che si è evoluto fino a diventare irriconoscibile, un uomo si confronta col passato che lo porterà ad affrontare un viaggio di redenzione e ricerca mentre si batterà per salvare l’umanità. Jack Harper (Tom Cruise) è uno degli ultimi riparatori di droni operanti sulla Terra. Parte di una massiccia operazione per estrarre risorse vitali dopo decenni di guerra contro una terrificante minaccia conosciuta come Scavs, la missione di Jack è quasi terminata. Vivendo e perlustrando gli straordinari cieli da migliaia di metri d’altezza, la sua esistenza crolla quando salva una bella straniera da uno spacecraft precipitato. Il suo arrivo innesca una serie di eventi che lo costringono a mettere in questione tutto ciò che conosceva e mettono nelle sue mani il destino dell’umanità. Tutte le info sul film nella nostra scheda film: Oblivion.