Il ponte delle spie film

Diretto dal premio Oscar Steven Spielberg, il film Il ponte delle spie ripercorre una delle più note vicende facenti parte della guerra fredda tra Stati Uniti e Unione Sovietica. Scritto dai fratelli Joel ed Ethan Coen insieme a Matt Charman, il film è un intenso thriller di spionaggio che si avvale della presenza del celebre Tom Hanks e dell’allora semi sconosciuto Mark Rylance, i quali furono entrambi acclamati per le loro interpretazioni di alto livello.

 
 

Ecco 10 cose che non sai su Il ponte delle spie.

Il ponte delle spie film cast

Il ponte delle spie: la trama del film

10. Si basa su una storia vera. Nell’America della guerra fredda, l’avvocato James Donovan viene assegnato alla difesa della spia russa Rudol’f Abel’, catturata sul suolo statunitense. Dopo aver instaurato un buon rapporto con questi, Donovan si batte affinché gli venga evitata la pena di morte, suggerendo invece di usare la spia per richiedere lo scambio con un pilota ed uno studente americani catturati dai sovietici a Berlino. Lo scambio dovrà avvenire sul ponte di Glienicke, soprannominato “il ponte delle spie”.

Il ponte delle spie: il cast del film

9. Tom Hanks ha accettato il ruolo senza leggere la sceneggiatura. Lieto di poter tornare a collaborare con Spielberg, l’attore firmò per un ruolo nel film senza neanche voler leggere la sceneggiatura. Prima di farlo, Hanks non sapeva nulla della storia di Donovan, e quando ne scoprì le vicende ne rimase affascinato a tal punto da considerare il film una delle cose più entusiasmanti della sua carriera.

8. Mark Rylance venne scoperto mentre recitava a teatro. Benché pressoché sconosciuto al cinema, Rylance era una leggenda per il teatro inglese. Spielberg rimase impressionato da lui dopo averlo visto recitare nello spettacolo Twelfth Night, per il quale poi l’attore vinse il premio Tony.

7. Hanks è stata la prima scelta per il ruolo. Per dar vita all’avvocato Donovan, personalità mite e del tutto ordinaria, la prima scelta fu da subito l’attore Tom Hanks. Secondo il regista e la casting director, questi era infatti la persona più idonea per rendere credibile il personaggio di un “everyman” come Donovan.

6. Rylance ha dovuto svolgere molte ricerche. Della spia russa Rudol’f Abel’ quasi non esistono fotografie o interviste. Molto poco, infatti, si sa di lui al di là del processo che lo ha visto protagonista. Per potersi calare nel ruolo, Rylance ha perciò dovuto condurre ricerche particolarmente approfondite, arrivando infine a trovare una propria idea del personaggio e del suo modo di fare.

Il ponte delle spie film storia vera

Il ponte delle spie: i premi vinti

5. Ha vinto premi in tutto il mondo. Acclamato come uno dei migliori film del 2015, Il ponte delle spie ha ricevuto nomination e premi da parte di diverse istituzioni come gli Oscar, i Bafta e i Critic’s Choice Awards . In particolare, ad aver ottenuto il maggior numero di riconoscimenti è stato Rylance, che per il suo ritratto della spia russa si è aggiudicato l’Oscar al miglior attore non protagonista.

Il ponte delle spie: dove vederlo in streaming

4. È presente sulle principali piattaforme. Per chi desidera vedere o rivedere il film, è possibile farlo affidandosi ad alcune tra più ricche piattaforme streaming presenti sul Web. Tra queste si annoverano infatti Chili, Rakuten TV e Infinity. In base a quale di queste si sceglie, basterà sottoscrivere un abbonamento generale o noleggiare il singolo film per poterlo rivedere in tranquillità.

Il ponte delle spie: la storia vera

3. Spielberg voleva che il film fosse il più realistico possibile. Grande appassionato di storia, Spielberg si è più volte cimentato con eventi realmente accaduti nel corso della sua carriera. Per realizzare Il ponte delle spie, condusse approfondite ricerche con ogni reparto del film, affinché ogni aspetto potesse risultare il più fedele possibile.

2. Vi sono alcune inesattezze. Nonostante la volontà del regista affinché l’opera fosse il più fedele possibile alla storia vera, vi sono alcune scene che sono state riadattate per la finzione cinematografica. Una di queste è quella dove l’avvocato Donovan vede sparare a dei giovani che tentavano di scavalcare il muro di Berlino. Ciò, nella realtà, non avvenne mai.

Il ponte delle spie: le frasi migliori del film

1. Ci sono frasi diventate celebri. Scritto anche dai fratelli Coen, il film contiene molta della loro pungente ironia, ma vi è racchiusa anche molta della poetica che da sempre Spielberg tramanda con i propri film. Ecco allora alcune delle frasi più celebri.

“Ogni uomo merita una difesa, ogni uomo è importante” (James Donovan)

“Qual è la mossa successiva se non si sa quale sia il gioco?” (Rudol’f Abel’)

“Lei non si preoccupa mai?” – “Servirebbe?” (James Donovan e Rudol’f Abel’

Lei mi ricorda un uomo per cui non provavo per niente ammirazione. Veniva sempre a casa dei miei genitori e mio padre diceva sempre di guardarlo ma io non lo guardavo mai. Un giorno vennero a casa alcune guardie partigiane di confine e presero a botte mio padre e mia madre e anche quel signore lì. Io lo guardavo, quei due uomini gli diedero un pugno, ma lui si rialzò. Un calcio, ma si rialzò. Allora le guardie sorprese lo lasciarono vivere e dissero una frase in russo che tradotto significava “uomo tutto di un pezzo”. (Rudol’f Abel’)

Fonte: IMDb