The-strays-film-cast

Poche tipologie di film sanno catturare l’attenzione degli spettatori come i thriller psicologici, opere caratterizzate da storie che esplorano le paure umane scavando nella fragilità della psiche umana e proponendo intrighi e colpi di scena ai quali è difficile resistere. Ogni anno vengono realizzati numerosi lungometraggi di questo tipo, ma uno che attualmente sta facendo parlare molto di sé è The Strays, disponibile su Netflix dal 22 febbraio del 2023. Si tratta dell’opera prima da regista di Nathaniel Martello-White, fino ad oggi attore noto per diversi film e opere seriali, tra cui un episodio di Small Axe, la serie di Steve McQueen.

 

Più che da quest’ultimo e il suo modo diretto di affrontare tematiche legate al razzismo, Martello-White sembra aver fatto sua la lezione di Jordan Peele, dando dunque vita con questa sua opera prima ad un thriller psicologico che sfocia nell’orrore puro, attraverso cui si esprime il disagio della popolazione afroamericana. Da lui anche scritto, The Strays ricorda dunque il film premiato agli Oscar Scappa – Get Out nella misura in cui ricostruisce un contesto specchio della società statunitense da cui far emergere situazioni estreme che diventano allegoria di problematiche sociali e razziali tutt’altro che estranee alla realtà.

Attualmente al 2° posto nella Top 10 dei film Netflix più visti in Italia, The Strays sembra dunque essere riuscito nel suo intento di catturare l’attenzione, stimolando un vivo dibattito. È dunque il film giusto se si è alla ricerca di un’opera che proponga un brillante misto di intrattenimento, commento sociale, tensione e colpi di scena continui. Prima di intraprendere una visione del film, però, sarà certamente utile approfondire alcune delle principali curiosità relative ad esso. Proseguendo qui nella lettura sarà infatti possibile ritrovare ulteriori dettagli relativi alla trama e al cast di attori. Infine, per chi non teme gli spoiler, si proporrà anche una spiegazione del finale del film.

La trama e il cast di The Strays

The Strays, traducibile come “i randagi”, racconta la vita apparentemente perfetta di Neve, una giovane donna con un buon lavoro in una scuola privata, che vive in un quartiere per benestanti insieme alla sua bella famiglia. La sua vita sociale è appagante e tutto fila liscio, almeno fino al giorno in cui nota la presenza di due misteriose figure. Sono un uomo e una donna, che compaiono e scompaiono in momenti imprevisti, seguendola in ogni sua mossa. Neve inizialmente pensa di poter gestire la situazione ma quando comincia ad avere dubbi sulla reale esistenza di queste persone, perde il controllo. La vita perfetta che si era creata Neve sta andando in frantumi pezzo per pezzo facendo riaffiorare le bugie che la tenevano in piedi.

Ad interpretare Neve vi è l’attrice Ashley Madekwe, meglio nota per aver interpretato Bambi nella serie Diario di una squillo perbene, ma vista anche nelle serie Revenge e Salem. Riguardo The Strays, l’attrice ha raccontato di aver accettato il ruolo in quanto entusiasta della sfida che questo comportava a livello attoriale. Accanto a lei vi sono Bukky Bakray nei panni di Abigail, e Jorden Myrie in quelli di Marvin, i due estranei che la perseguitano. Samuel Small e Maria Almeida, invece, interpretano Sebastian e Mary, i figli di Neve. Altri due attori noti presenti nel cast sono Lucy Liemann, nota per la serie Agatha Raisin, qui interprete di Amanda, e Rob Jarvis, noto per la serie Hustle, interprete qui di Robert.

The-strays-significato-finale

La spiegazione del finale di The Strays

Come anticipato, di seguito si propone una spiegazione del finale del film, anche in relazione all’ambiguo titolo proposto dal regista. Per chi ha già visto il film o non teme l’effetto degli spoiler, è bene sapere che tutto parte dalla vita perfetta che Neve si è ricostruita dopo essere scappata da un marito violento. Donna di colore, nel corso del film la protagonista fara di tutto pur di nascondere tale aspetto di sé, sia utilizzando trucchi pesanti sia ricorrendo a parrucche con cui nascondere i propri capelli afro. Questo suo rifiuto del proprio colore di pelle diventa però più difficile da “nascondere” nel momento in cui viene raggiunta da due misteriosi individui.

Questi, che piano piano si avvicineranno sempre di più a Neve e ai suoi due figli, sveleranno infine di essere i bambini che la donna aveva avuto dal suo primo matrimonio, quello da cui Neve è fuggita. Quando tale rivelazione viene alla luce, la protagonista decide di fare ciò che sa fare meglio, ovvero fuggire di nuovo. Ecco allora che i randagi del film non sono solo i suoi primi due figli, ma anche i figli avuti dal secondo matrimonio e che abbandona senza pensarci due volte. Randagia è però anche la stessa Neve, che con questo suo comportamento non riesce a trovare un posto che possa chiamare casa e un nucleo di persone che possa identificare come la propria famiglia, da amare e proteggere.

Attraverso il suo film, Martello-White sembra dunque andare a proporre una riflessione sulla figura della madre, la quale qualora decida di abbandonare la propria famiglia viene giudicata con maggior disprezzo rispetto a quanto avviene se a scappare è un uomo. Allo stesso tempo, il regista fa in più occasione riferimento alla comunità afroamericana, a come talvolta questa perda l’unità che la renderebbe invece più compatta e forte nel portare avanti le proprie battaglie. Il rifiuto di Neve nei confronti del proprio passato può infatti essere letto anche con questo punto di vista, ponendo dunque un vero e proprio monito.

Il trailer di The Strays e dove vederlo in streaming

Come anticipato, è possibile fruire di The Strays grazie alla sua presenza nel catologo di Netflix. Per vederlo, basterà sottoscrivere un abbonamento generale alla piattaforma scegliendo tra le opzioni possibili. Si avrà così modo di guardarlo in totale comodità e al meglio della qualità video, avendo poi anche accesso a tutti gli altri prodotti presenti nel catalogo.

Fonte: IMDb, Looper

- Pubblicità -