Quasi Orfano film 2022
- Pubblicità -

La famiglia è il bene più prezioso. Se c’è una morale nel nuovo Quasi orfano di Umberto Carteni – regista di Divorzio a Las Vegas – presentato alla stampa e in arrivo al cinema dal 6 ottobre è proprio questa. Per quanto cerchiamo di rinnegarle e allontanarci dalle nostre radici esse trovano sempre il modo di raggiungerci. È un aspetto che viene sottolineato bene nel film – e anche in conferenza stampa. Basta un semplice fischio e ci ritroviamo a far parte per un attimo della famiglia Tarocco. Nel film Riccardo Scamarcio e Vittoria Puccini sono Valentino e Costanza. Marito e moglie, vivono a Milano e hanno fondato un famosissimo brand nel mondo del design. Valentino, di origine pugliese, ha progressivamente tagliato i ponti con la sua famiglia, al punto di dichiararsi orfano e cambiare cognome. La famiglia di Valentino, colorita e numerosa, tenta di riallacciare i contatti presentandosi all’improvviso a Milano.

Quasi orfano, la conferenza stampa

Il film è una commedia, ripresa da un film francese, ma ciò non toglie dignità al prodotto. “Credo che in Francia ci sia un motore dietro le commedie francesi diverso, le lega al mercato. I francesi vanno al cinema e lo Stato tutela gli esercenti” dice Riccardo Scamarcio in conferenza stampa, continuando poi: “Anche in Italia abbiamo questo motore creativo, però non c’è nulla di male a prendere spunto da film stranieri“. Concorda con questo aspetto anche il regista, Umberto Carteni, che afferma: “Al di là che grande cultura del cinema francese, questa storia è attinente soprattutto a quello che succede in Italia. Perché spesso le grandi diversità vengono viste con una accezione negativa mentre invece fanno parte delle nostre ricchezze“.

Un film alla riscoperta delle proprie origini

Sulla scia del famosissimo Benvenuti al Sud, il film ripercorre degli stereotipi tra nord e sud. Ma non solo, sottolinea anche una barriera comunicativa costante tra i due protagonisti, Valentino e Costanza, che va oltre il semplice dialetto differente. La coppia infatti vive di questa profonda incomunicabilità, frutto del fatto che i due protagonisti hanno perso di vista la loro vera identità. Ne parla nello specifico Vittoria Puccini: “Il personaggio di Costanza viene completamente ribaltato. Il suo arco narrativo è sempre in crescita. Prima insegue il successo professionale però poi con l’incontro con la famiglia Tarocco ritrova anche la passione interiore, la vitalità, che aveva perso“. Continua dicendo: “Quello che più mi ha divertito del film è l’ironia che viene esasperata da certi aspetti e certi caratteri di queste due realtà – nord e sud – attingendo però a delle verità seppur estremizzate per creare la commedia”.

Un argomento significativo del film è la differenza nel ritratto che viene fatto del nord e del sud Italia. Nessuna esclusione di colpi, poiché vengono descritti pregi e difetti da una parte e dall’altra. Riccardo Scamarcio – che è anche produttore del film – tende però a sottolineare un altro aspetto chiave: “Il film è un film nazional-popolare. Tocca dei punti fondamentali e attuali perché vediamo l’evolversi anche della società. Tutto in chiave leggera e ironica che ha come tema centrale la rivalutazione delle proprie origini. Il film fa tutto questo in modo molto intelligenti centrando il focus su alcuni paradossi che l’Italia socialmente ha prodotto. In questo film, per esempio, le donne del sud sono più emancipate. Al sud la famiglia è matriarcale, le donne comandano. Recitare in questo film per me è stata una liberazione perché ho potuto restituire ai Pugliesi la loro integrità”.

Il film vive proprio di contrasti, non solo geografici, ma anche sentimentali. Da una parte la famiglia Tarocco accoglie Costanza come una figlia, dall’altra invece il personaggio di Bebo Storti incarna tutta la glacialità del manager milanese. In Quasi orfano si da spazio ai sentimenti e ai romanticismi che sono propri della natura della famiglia Tarocco. Proprio l’aspetto romantico e sentimentale è stato quello che maggiormente è stato esplorato in Quasi orfano, piuttosto che nel film originale francese. Lo vediamo nella focosità della coppia composta da Nicola (Antonio Gerardi) e Lulù (Grazia Schiavo) ma anche e soprattutto da Mà e Pà – Nunzia Schiano e Adriano Pappalardo.

Quasi orfano conferenza stampa

Il messaggio di speranza per il cinema

L’uscita in sala di Quasi orfano è prevista per il 6 ottobre. Il regista e il resto del cast sperano di poter attrarre un gran numero di persone per la loro commedia all’italiana. Il regista ha parlato di questo grande potere che il cinema regala ai suoi film: “È una grande responsabilità. Speriamo di conciliare il pubblico in sala perché ci rendiamo conto che ormai sugli schermi di casa c’è tanta offerta. Dobbiamo cercare di motivare la gente in più possibile“. Con la pandemia, il settore cinematografico è stato sicuramente uno dei più colpiti.

Molte sale sono state costrette a chiudere poiché non riuscivano a sostenere i costi. Riccardo Scamarcio ha parlato di questo rapporto cinema-spettatore augurandosi che il suo nuovo film riesca a risollevare le sorti del cinema italiano, lanciando un messaggio di speranza: “L’arrivo del Covid ha spezzato il rapporto tra cinema e spettatore. È importante riacquistare di nuovo questo rapporto. Le piattaforme sono degli strumenti che hanno tantissimo da offrire. credo che alla fine però la cosa che faccia la differenza siano sempre i buoni film che sono contenuti al loro interno. Io sono convinto che il cinema non morirà mai”.

La famigerata famiglia Tarocco

La famiglia Tarocco non vive di fama, anzi al contrario i personaggi di Quasi orfano sono tutti personaggi famigerati. Ma quanto aiuta l’essere famigerati nel mondo del cinema? Nunzia Schiano ha la risposta: “Io già sono famigerata, non famosa. Quindi sono proprio nel mio. A volte è utile essere famigerati. Il nostro mestiere comprende queste distonie. L’essere umano ha mille sfaccettature, quindi c’è una certa libertà anche nella gestione. Se dovessi scegliere preferisco essere famigerata“. Anche Grazia Schiavo si definisce famigerata: “Quando sei un personaggio famigerato nel lavoro puoi portare in scena parti dimenticate che ritrovi dentro di te. A volte queste parti dimenticate sono le nostre radici, non dobbiamo vergognarci“.

- Pubblicità -