the-informer

In arrivo al cinema a partire dal 17 ottobre, il film The Informer – Tre secondi per sopravvivere è il nuovo lungometraggio internazionale del regista italiano Andrea Di Stefano, già autore nel 2014 del film Escobar, con protagonista il premio Oscar Benicio Del Toro. Il lungometraggio, basato sul romanzo Tre secondi, di Roslund & Hellström, segue la vicenda di Pete Koslow, interpretato dall’attore Joel Kinnaman, ex soldato specializzato in operazioni speciali, che si trova nella rischiosa posizione di infiltrato per l’FBI con il compito di smantellare il traffico di droga della mafia polacca a New York.

 

Presentato in anteprima a Roma, il viene raccontato in conferenza stampa proprio dal regista, che racconta i retroscena del progetto e i suoi progetti per il futuro.

“Dopo il successo di Escobar, – esordisce Andrea Di Stefano mi sono stati proposti numerosi progetti legati alle tematiche della criminalità. Tuttavia non volevo ripetermi senza un valido motivo, cosa che invece ho trovato leggendo la prima sceneggiatura di questo film. Sono rimasto affascinato dal debole confine tra bene e male, e girare per le strade di New York mi avrebbe consentito di accenturare il tono noir della pellicola.”

Di Stefano si apre poi a parlare delle influenze rimutuate all’interno del film, ammettendo di non essere un vero fan del genere. “Ho sempre preferito altri tipi di storie. La mia prima sceneggiatura era una commedia amara. Sono cresciuto guardando i film di Monicelli, Risi, e ho lavorato in più di un’occasione con Bellocchio. Forse è per questo che non è tanto il thriller in sé ad interessarmi, ma il poter ricercare una componente umana all’interno di esso.”

“Non volevo affatto realizzare l’ennessimo thriller con buoni e cattivi, – continua poi il regista – né tantomeno volevo cadere nei cliché del genere. È per questo che abbiamo condotto tantissime ricerche prima delle riprese. Abbiamo visitato i luoghi, abbiamo parlato con le persone. Ho incontrato numerosi agenti dell’FBI e della polizia di New York. I racconti più interessanti sono però arrivati nelle conversazioni con i criminali e i detenuti. Sono loro che mi hanno permesso di arricchire di dettagli questo film, permettendomi di essere più sincero e autentico nelle scelte per la messa in scena.”

Chiamato a parlare del cast di star a disposizione, Di Stefano esordisce tessendo le lodi del suo protagonista. “Kinnaman è stato straordinario. Un attore gentilissimo, generoso. Per il ruolo avevo bisogno di qualcuno che potesse dar vita tanto alla parte più cruda quanto a quella più sentimentale del personaggio. Non tutti gli attori sono in grado di far ciò, ma lui ci è riuscito. Straordinari sono stati anche Common e Rosamund Pike. Per il ruolo del detective Grens avevo bisogno qualcuno che avesse il temperamento del poliziotto, ma che fosse anche in grado di dar voce alla strada, e Common si è rivelato perfetto per la parte. Rosamund era invece legata al progetto ben prima del mio arrivo. È stata sempre molto devota al personaggio, anche nei momenti più complessi del suo arco narrativo.”

Il regista anticipa poi alcuni dei suoi progetti per il futuro, rivelando il suo grande sogno. “Mi piacerebbe realizzare un film in Italia. Sono convinto che le nostre maestranze siano le migliori al mondo. Negli Stati Uniti ci sono i professionisti, questo è indubbio, ma credo che qui sia possibile oltre al professionismo ottenere anche quel pizzico di sentimento che ti permette davvero di toccare le corde dello spettatore. Il mio desiderio è poter realizzare un film con queste premesse. Per il momento tuttavia sono al lavoro sulla prima serie italiana targata Amazon Prime. Sarà sempre ambientata nel mondo della criminalità, ma avrà un tono grottesco che spero di riuscire ad esaltare al meglio. Dal mio punto di vista, puoi essere bravo nella tecnica quanto vuoi, ma se non riesci a cogliere l’emotività del momento hai fallito. Questa è una delle lezioni più preziose che abbia mai appreso.”