Attore di cinema e teatro, volto televisivo di film e serie di successo, diretto tra gli altri da Avati, Ronconi e Sollima, per cui ha interpretato il ruolo di Nicola Scialoja nella serie tv Romanzo Criminale, che gli ha dato la prima notorietà, Marco Bocci passa dietro la macchina da presa con A tor bella monaca non “piove” mai, in sala dal 28 novembre, per raccontare una storia in parte ispirata da una vicenda personale, già narrata nel suo esordio da scrittore con il romanzo omonimo.

 

Mauro (Libero De Rienzo) è un quasi quarantenne mite e rispettoso delle regole. Ama Samantha (Antonia Liskova) e anche se lei lo ha lasciato per un facoltoso medico, punta a riconquistarla. Ancora vive di lavoretti e della “paghetta” della nonna, perché se oggi trovare lavoro è difficile per tutti, a Tor Bella Monaca è ancora più difficile. Suo fratello Romolo (Andrea Sartoretti) ha dei precedenti ma, scontata la pena, ha una nuova vita, una famiglia, un lavoro e nessuna intenzione di tornare sui suoi passi. Lotta ogni giorno per scrollarsi di dosso l’immagine del delinquente. Il padre Guglielmo (Giorgio Colangeli) assieme alla madre Maria (Lorenza Guerrieri) non si dà pace perché il suo negozio è occupato da mesi da un inquilino moroso, eppure non c’è modo di cacciarlo. La situazione precipita quando la nonna muore, lasciando la numerosa famiglia senza la pensione indispensabile per andare avanti. È allora che Mauro pensa di dare una svolta alla sua vita organizzando con due amici una rapina ai danni della mafia cinese.

A tor bella monaca non “piove” mai, l’opera prima di Marco Bocci

Con la sua opera prima da regista Marco Bocci si mette in gioco e fa alcune buone scelte. Innanzitutto, rinuncia a mettersi anche davanti alla macchina da presa, se non per una fugace apparizione, dedicandosi in modo più attento alla regia e andando a cercare un pubblico diverso da quello che lo segue come attore.

Inoltre, il regista racconta ciò che conosce: una periferia che ama e che ha vissuto, quella del quartiere romano di Tor Bella Monaca, su cui sembra pesare un pregiudizio – come sui protagonisti Mauro e Romolo, ingabbiati in ruoli che non riescono a scrollarsi di dosso. È al centro delle cronache ma anche spesso ritratta al cinema nel suo lato oscuro, criminale e con esso identificata. Il legame tra il regista e questa realtà si percepisce, dando vita e verità al film.

In periferia certe contraddizioni emergono in maniera più eclatante, ma essa è anche l’occasione per affrontare questioni riguardanti ogni latitudine. Il film mostra ciò che accade quando il tessuto sociale non offre prospettive e le istituzioni latitano. Ecco il riferimento del titolo, A tor bella monaca non piove mai: “piove” in gergo indica l’arrivo della polizia. Mentre qui la polizia, le istituzioni in genere, non ci sono quando i cittadini ne hanno bisogno. L’assenza di pioggia è anche assenza d’acqua che nutre la vita, indispensabile affinché non tutto secchi e inaridisca, dentro e fuori l’animo umano. Non a caso l’unico personaggio che versa lacrime è Romolo, anche l’unico ad essere riuscito a ripartire dalla sua umanità e a rifiutare il determinismo dell’ambiente.  Andrea Sartoretti interpreta con efficacia il ruolo più complesso del film, con la maggiore evoluzione. Romolo è forse il più stabile, ma ancora in conflitto con sé stesso e con l’ambiente esterno.

A tor bella monaca non “piove” mai – cattivi si nasce o si divente?

A tor bella monaca non “piove” mai recensioneIn questo contesto, Mauro e gli altri, non possono che trovare le proprie soluzioni ai problemi, anche se per farlo tradiscono, per poco, la loro indole di “buoni” per diventare “cattivi”, subendone le conseguenze. Sottotitolo del film è, appunto, cattivi si nasce o si diventa? È chiara la risposta del regista, che attribuisce la responsabilità di questo incattivirsi proprio al vuoto lasciato dalle istituzioni. La tesi può non essere condivisa, ma invita a riflettere.

Da attore, poi, Bocci sceglie un ottimo cast, creando un gruppo affiatato di interpreti, tutti in parte, con una grande attenzione anche per i piccoli ruoli – tra questi spicca Giordano De Plano nei panni di Ruggero, ex poliziotto, sprofondato in abissi di dolore e disagio, distrutto da una tragedia che non ha avuto giustizia.  Antonia Liskova si adatta bene a un ruolo per lei inusuale.

Il film ha un buon ritmo ed è narrativamente coeso. Si illumina con ironia, sarcasmo e momenti divertenti, perfino grotteschi, un contesto spesso drammatico e disperante.

Ritratto vivido ed efficace di una romanità verace

Stilisticamente, A tor bella monaca non “piove” mai paga però un evidente tributo, come in parte nei contenuti. Nel lavoro vi sono soprattutto echi di Sollima – in particolare quello di ACAB – nell’estrema cura delle inquadrature e nella ricerca del dettaglio, come nello spazio lasciato ai silenzi supportati da un commento sonoro espressivo e preponderante. Bocci mostra però un senso estetico interessante nella resa visiva della periferia e non solo, coadiuvato dalla fotografia di Federico Annicchiarico e dal montaggio di Luigi Mearelli. Anche la colonna sonora, curata da Emanuele Frusi, ha buone carte da giocare. Ritmi tecno-elettro accompagnano i momenti d’azione, mentre Rock’n’roll robot di Alberto Camerini sparata a tutto volume dal vicino è perfetta per mettere a dura prova i nervi  di Guglielmo, oltre che simbolo di certi atteggiamenti e modi di vita che finiscono per avere il sopravvento.

Il film è il ritratto vivido ed efficace di una romanità verace nella sua amara quotidianità, più che quello di una Roma criminale, mentre la riflessione aperta dal film travalica i confini della capitale e diventa discorso più ampio su un contesto sociale ed istituzionale che sembra tirar fuori il peggio da ognuno, dove vige la legge del più forte e si è costretti alla guerra tra poveri. Una società in cui è radicato il pregiudizio, chiusa alla complessità delle cose, che vede tutto bianco o nero, o grigio come il cemento della torre R11 a Tor Bella Monaca.