Freeheld

Dopo diversi progetti leggeri, Peter Sollett si cimenta in un progetto importante per i temi di cui si fa portatore e per le dinamiche delicate e sempre attuali che mette in campo.

Attraverso il grande impegno di due magnifiche protagoniste, Freeheld racconta la storia della pluridecorata detective del New Jersey Laurel. Quando le viene diagnosticato un cancro al quarto stadio, decide di assicurarsi che la sua sudata pensione vada alla sua compagna Stacie. Ma i funzionari della Contea di Ocean (Ocean County – New Jersey), detti Freeholders, non le riconoscono questo diritto. Il Detective Dane Wells (Michael Shannon), e l’attivista per i diritti civili Steven Goldstein (Steve Carell) si uniscono a Laurel e Stacie coinvolgendo altri agenti di polizia e la comunità a sostegno della loro lotta per l’uguaglianza.

Basato sull’omonimo cortometraggio documentario vincitore dell’Oscar e adattato dallo sceneggiatore di Philadelphia, il film narra la vera storia d’amore di Laurel Hester (Julianne Moore) e Stacie Andree (Ellen Page), e della battaglia che condussero per ottenere giustizia di fronte alla legge, una battaglia che, paradossalmente, sembrerebbe essersi conclusa, con una vittoria gloriosa, lo scorso giugno, quando la Corte Suprema degli Stati Uniti ha votato a favore del matrimonio tra persone dello stesso sesso in tutti e 50 gli Stati.

Freeheld, il film

FreeheldLa storia è però ambientata circa 10 anni fa, quando si stavano appena ufficializzando le unioni civili e tutto sembra nuovo e estremamente progressista anche per gli Stati Uniti.

Freeheld è una perfetta confezione per un progetto con intenti didattici molto precisi che però sbaglia tempi e luoghi, combattendo battaglie già vinte e che al massimo potrebbero essere accolte in paesi come l’Italia, dove le coppie di fatto hanno ancora vita difficile. Da un punto di vista dello spessore cinematografico, il film si fregia di ottime interpretazioni, su tutte quelle di Julianne Moore e Michael Shannon, ma di una regia didascalica e per nulla personale che si limita a impacchettare un prodotto già sulla carta vincente a causa della potenza emotiva della storia.

L’aspetto invece bello, emozionante, coinvolgente di Freeheld è la storia d’amore, situazione che cinematograficamente non passa mai di moda e che trova sempre un forte riscontro nel pubblico pronto a empatizzare con i protagonisti.