Pieces Of a Woman

Il regista ungherese Kornel Mundruczo, amato dai festival europei, diverse volte in concorso a Cannes, vinse nel 2014 nella sezione Un certain regard con Withe god – Sinfonia per Hagen, mentre l’ultima partecipazione risale al 2017 con Una luna chiamata Europa.

 
 

Nel 2020 è tornato dietro la macchina da presa con il suo primo film in lingua inglese, che vede  Martin Scorsese nel team produttivo. In coppia con la compagna Kata Weber, che firma la sceneggiatura, Mundruczo ha dato vita a Pieces of a woman, progetto ambizioso e riuscito, che esplora la maternità e il suo momento più delicato, la nascita, facendola coesistere con quanto di più lontano da essa vi possa essere, la morte, e ponendo la protagonista, un’ottima Vanessa Kirby, di fronte all’elaborazione di una tragedia devastante. Sbarcato a Venezia lo scorso anno, il film è valso proprio all’attrice britannica, nota per la sua partecipazione alla serie tv The Crown, la Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile e chissà che non possa aspirare a un premio dell’Academy.  

Pieces of a woman, la trama

Martha, Vanessa Kirby, e Sean, Shia LaBeouf, sono una coppia di Boston in attesa della loro prima figlia. Martha ha scelto il parto in casa e quando inizia il travaglio, Sean chiama l’ostetrica che segue la coppia, Barbara. Questa però non può recarsi sul posto e manda la sua collega Eva, Molly Parker. Martha e Sean sono inizialmente perplessi, ma poi si lasciano convincere dai modi pacati e rassicuranti della donna. Purtroppo, nonostante l’esperienza di Eva, qualcosa va storto, il feto va in sofferenza e la bambina muore pochi minuti dopo la nascita. Di fronte a questa tragedia, Martha e Sean reagiscono in modo diverso e iniziano ad allontanarsi. La madre di Martha, Elizabeth, Ellen Burstyn, poi, vorrebbe che la figlia facesse causa all’ostetrica, giudicandola colpevole dell’accaduto, e pensa che questo sia il modo ideale per affrontare la questione e poter lasciarsi poi tutto alle spalle. Martha però, vuole trovare il suo modo per elaborare questo lutto. 

Un film intenso e duro, che non cede al melò e apre le porte alla speranza 

Kornel Mundruczo parte bene, dimostrando di padroneggiare la macchina da presa con la sequenza iniziale del parto, lunga e dal forte impatto, che colpisce e avvince, tiene lo spettatore incollato allo schermo per scoprire cosa succede, cosa va storto. È adrenalinica, fa entrare lo spettatore nel vivo di un momento così delicato e potente al tempo stesso, che spesso al cinema viene stereotipato. Qui è raccontato con autenticità, senza tacerne il dolore e la forza, grazie alla bravura di Kirby, intensa ma mai eccessiva, alla capacità sua e di LaBeouf di rendere l’intesa della coppia, alla capacità del regista di mostrare il comportamento e il punto di vista di ogni attore della vicenda senza giudicare, ma cercando di comprenderne le ragioni, di portare all’immedesimazione, con la volontà di non edulcorare. Caratteristiche che si ritroveranno in tutto il film. Merito infine anche del montaggio di David Jancso. 

pieces of a woman recensionePoi arriva il dolore, che si spalanca dopo la tragedia della morte della piccola. Questo non è trattato dal regista con uno stile melodrammatico. Martha è una donna dura, forte, che non si vuole far vincere dalla sofferenza, non vuole mostrare le lacrime, la disperazione. In qualche modo però, il dolore trova una sua strada per emergere, e allora sono scoppi d’ira, nervi a fior di pelle di una donna provata, ma che non vuole mollare. Il regista mostra due modi di affrontare la cosa, strade diverse che portano Martha e Sean a separarsi.

Mostra anche una terza via, quella del processo, perseguita strenuamente da Elizabeth, rendendo bene il rapporto conflittuale di Martha con una madre autoritaria, le sue conseguenze sulle scelte della figlia e la voglia di questa di dimostrare a sé stessa e ad Elizabeth il proprio valore, ma anche emanciparsi e trovare un proprio modo di elaborare questo trauma. Alla fine sarà una strada più emotiva e meno razionale, più istintiva, fatta di sensazioni e odori, quella che traghetterà Martha fuori dal buio. Nel cast anche Iliza Shlesingher nel ruolo di Anita, sorella di Martha, Benny Safdie, che interpreta il compagno di Anita, Chris, e Sarah Snook, Suzanne, l’avvocato che segue la causa. 

Il paesaggio è metafora del mondo interiore dei protagonisti. La veduta panoramica da un ponte si ripete e scandisce i vari momenti della vicenda. Tutto è grigio e plumbeo, fino a quando, finalmente, compaiono i colori e il sole. La fotografia è curata da Benjamin Loeb. 

Il simbolico finale di Pieces of a woman

La sequenza finale, su cui scorrono i titoli di coda, è  poi l’esatto contraltare dell’inizio. Dominano la quiete e la serenità della natura, con un elemento chiave, che non sveliamo, a fare da protagonista, simbolo proprio dell’elaborazione, che non significa oblio, ma trasformazione di un dolore profondo in qualcosa che diventa un punto di partenza per ricominciare. È dunque un messaggio di speranza, di fiducia nel futuro e di ripartenza quello che il regista vuol dare e che ben si concilia con i tempi difficili che stiamo vivendo.

Pieces of a woman, dove vederlo in streaming

Prodotto da Little Lamb e Bron Studios con Proton Cinema e Creative Wealth Media, Pieces of a woman è disponibile in streaming su Netflix dal 7 gennaio.