Rogue One

La tradizione eschilea dell’ereditarietà della colpa, insieme a qualche elemento shakespeariano, sono sempre stati alla base della mitologia di Star Wars e affrontando uno spin-off, ovvero un film parallelo e indipendente ma inserito nel francise, Rogue One a Star Wars Story, non ci si poteva esimere dal raccontare un dramma familiare. La piccola Jyn viene lasciata da sola in un mondo brullo, solitario, sporco e pericoloso, non c’è la presenza rassicurante degli zii di Luke Skywalker, né, nonostante le similitudini con Rey, la calda per quanto desertica atmosfera di Jakku. Jyn è sola al mondo, e il suo destino la coinvolgerà nella lotta contro l’Impero, quello stesso ordine del terrore che le ha strappato la famiglia e l’infanzia.

Rogue One -Jyn ErsoRogue One: Famiglia, Coraggio, Ribellione e Speranza

Gareth Edwards  parte da un presupposto tradizionale per cimentarsi in un racconto rischioso e allo stesso tempo rassicurante. Il film, che cronologicamente nell’universo di Star Wars si pone pochi mesi, forse poche settimane prima di Una Nuova Speranza, è un racconto autoconclusivo, che non ci dà appuntamento al prossimo anno ma si esaurisce nella sua splendida tragicità, nei suoi 133 minuti. Una dote (o un ritorno alla normalità?) rara in un mondo governato da film a puntate che perdono il senso del racconto per trasformarsi in episodi.

Diviso in tre atti, nella sua canonica forma narrativa Rogue One si serve di un prologo tragico, di una prima parte leggermente macchinosa nell’esposizione dei fatti, una seconda di riscaldamento, di disposizione delle forze, e un terzo atto perfetto, spettacolare ed epico, forte di personaggi che, seppure non troppo approfonditi, riescono a ritagliarsi uno spazio degno, un compito per la causa e per l’Alleanza. E sebbene siamo tutti in attesa di scoprire il destino di Jyn, eroina polverosa, dura e decisa, meno delicata di Rey e più autonoma di Leia, protagoniste incontrastate della pellicola sono la Speranza, diretto rimando agli eventi che ci saranno da lì a poco (quelli in Guerre Stellari del ’77), e la Ribellione, la causa, il valore di una lotta contro l’oscurità dell’Impero.

Rogue One - Diego LunaLa vera arma vincente di Rogue One è l’autonomia. Il film si struttura alla perfezione senza necessità di appoggiarsi agli altri capitoli, ci sono rimandi e citazioni, persino personaggi, ma sono piccoli regali concessi ai fan a fronte di una storia fatta di uomini e donne in guerra per ciò in cui credono. La stessa colonna sonora, per la prima volta non di John Williams ma di Michael Giacchino, si appoggia all’originale e salpa verso nuovi orizzonti musicali. Poi c’è Gareth Edwards, che, come dimostrato con Godzilla, pur essendo perfetto mezzo da studio non rinuncia a piazzare quelle inquadrature personali, quel tocco che abbiamo ammirato in Monster, che dà dignità allo spettacolo e ai volti degli eroi. Belli, giovani, sporchi e coraggiosi, gli eroi di Rogue One sono la vera Speranza in un mondo in guerra, dove la guerra stessa è riportata in primo piano, probabilmente per la prima volta, sul suolo, via aria, una guerra che fa vittime, che porta dolore ma che riesce a cavare anche il meglio da chi ha qualcosa da dare.

Rogue OnePerché andare a vedere Rogue One?

Rinuncereste mai a sentire una storia che vi piace, ma di cui conoscete l’epilogo? L’amore per Star Wars vi porterà al cinema a vedere Rogue One, il coraggio e la passione di questi nuovi giovani eroi vi terra incollati alla poltrona, fino all’epico e glorioso finale.