The Wolf of Wall Street: recensione del film con Leonardo DiCaprio

The Wolf of Wall Street

Definirlo un film atteso è dire poco, dire che sia un film eccessivo, eccentrico, ‘strafatto’ e schizofrenico è in qualche modo ridurne la portata completamente folle. Eppure ci sono poche parole che descrivono meglio The Wolf of Wall Street, ultimo film di Martin Scorsese e ultima straordinaria collaborazione del regista newyorkese con un Leonardo DiCaprio in stato di grazia, anche se quando pensiamo al suo personaggio la ‘grazia’ è l’ultima parola che ci viene in mente!

La storia di The Wolf of Wall Street è quella (vera) di Jordan Belfort, broker di Wall Street che dal nulla fondò una società di successo diventando milionario a 26 anni, per poi finire a 39 anni a fare i conti con i federali. Ma l’epilogo poco felice della sua storia è solo, appunto, la fine. Quello che Scorsese ci racconta è l’ascesa e il momento di gloria, di lusso, di sfrenata follia.

The Wolf of Wall Street è un film di Scorsese, nel senso che se ne sente la mano, la regia, ma soprattutto il ritmo, merito anche della fedelissima Thelma Schoonmaker, vera e propria artista del taglia e cuci in sala di montaggio. Magnifiche sono le sequenze di mini-flashback, durante le quali si rivela, se possibile, una realtà anche più folle di quella fino ad ora mostrata.

The Wolf of Wall Street

The Wolf of Wall Street è però anche un grande film di sceneggiatura, in cui Terence Winter (non a caso I Soprano sono opera sua) riesce a coniugare il turpiloquio più basso a monologhi che sono veri e propri saggi di retorica. Ma cosa sarebbe Wall Street senza il suo lupo? Leonardo è un grande attore, è risaputo e confermato da una filmografia (quasi) infallibile, lunga ormai più di 20 anni.

Ma il DiCaprio di The Wolf of Wall Street è qualcosa di extra-ordinario, nel senso letterale del termine: il nostro non si ‘limita’ ad una solita e solida interpretazione intensa e drammatica, si dimostra anche in grado di reggere i momenti comici, quelli isterici (soprattutto) e rivela un insospettato senso di autoironia quando si tratta di mettersi completamente a nudo (anche questo, alla lettera) e di mettere in campo sequenze da slapstick comedy che aggiungono eccesso all’eccesso di un film che è un folle capolavoro del cinema moderno.

The Wolf of Wall Street

DiCaprio però non è solo, con lui splendono in un rutilante, vitale e dissoluto vortice di eccesso lo straordinario Jonah Hill, la sensualissima Margot Robbie, (anche per pochi minuti) Jean Dujardin, Matthew McConaughey, Jon Favreau e tutti gli altri attori e comprimari che affollano e popolano il film. Una colonna sonora strepitosa e varia (presenti Lemonheads con Mrs Robinson e Umberto Tozzi con Gloria tra gli altri) aggiunge materiale e dettagli ad un film già straripante.

Martin Scorsese ci mostra il marcio di Wall Street attraverso una storia esemplificativa di un modello dissoluto di vita, ma lo fa con cura e con amore verso ogni singolo farabutto di cui ci racconta.

RASSEGNA PANORAMICA
Voto di Chiara Guida
Articolo precedenteRed Krokodil recensione del film di Domiziano Cristopharo
Articolo successivoUscite al cinema del 16 gennaio
Chiara Guida
Laureata in Storia e Critica del Cinema alla Sapienza di Roma, è una gionalista e si occupa di critica cinematografica. Co-fondatrice di Cinefilos.it, lavora come direttore della testata da quando è stata fondata, nel 2010. Dal 2017, data di pubblicazione del suo primo libro, è autrice di saggi critici sul cinema, attività che coniuga al lavoro al giornale.
the-wolf-of-wall-street-con-leonardo-dicaprio Definirlo un film atteso è dire poco, dire che sia un film eccessivo, eccentrico, ‘strafatto’ e schizofrenico è in qualche modo ridurne la portata completamente folle. Eppure ci sono poche parole che descrivono meglio The Wolf of Wall Street, ultimo film di Martin Scorsese...